Immagine Le magnitudo dei terremoti: perché ne esistono così tante?
Stabilire l'intensità di un evento sismico non è impresa da poco. Ci sono diverse difficoltà e punti di vista da considerare e proprio per questo motivo... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteorologia, Volume 5 - Nubi e precipitazioni
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine ECMWF 850hPa - Wind
Mappa del modello del centro europeo di Reading ECMWF con i venti previsti a 850hPa.
Immagine GFS Wind 10m Italia
GFS Italia Wind 10m, il vento alla quota di 10 metri espresso in nodi. Sulla mappa anche i vettori... Leggi tutto...
Immagine Il fenomeno atmosferico più distruttivo: il Tornado
La velocità del vento può superare i 500 km/h, mentre le correnti ascensionali toccano anche i... Leggi tutto...
Immagine Parmigiana di patate
Ingredienti per 4-6 personePreparazioneCotturaNote1 kg di patate200 g di prosciutto cotto200 g di... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Freddo e neve a basse quote fino a metà mese, poi ritorna l'Atlantico?

Lunedì 01 Ottobre 2012 00:00

Freddo e neve a basse quote fino a metà mese, poi ritorna l'Atlantico?


Gli effetti dello "splittamento" del Vortice Polare dei giorni scorsi non si sono fatti "attendere" troppo, e dopo il freddo anche la neve è giunta sulla nostra Penisola, "toccando" anche le località di pianura del nord-Italia.Dopo alcune giornate ben soleggiate, talvolta con termiche "giornaliere" gradevoli, e temperature minime sotto lo zero di qualche grado, un fronte atlantico a differenza di quello che lo ha preceduto, è riuscito ad "entrare" dalla "Porta" del Rodano, accompagnato anche da freddi venti artici.La neve ha imbiancato quasi tutte le località di pianura, tra Piemonte, Lombardia e Triveneto, con accumuli precipitativi da deboli a moderati.

Fine settimana dell'Immacolata "prettamente" invernale. Se al nord-ovest e parte del nord-est interverrà un deciso miglioramento, nella giornata di Sabato 8 Dicembre la neve cadrà nuovamente su Emilia Romagna, sino in pianura nelle regioni del medio versante adriatico, tra colline e alte colline al sud e nelle isole Maggiori.Il maltempo persisterà tra Marche, Abruzzo, Molise, al sud e in Sicilia, con nevicate a quote basse.

Lunedì 10 Dicembre vi sarà un nuovo temporaneo peggioramento nelle regioni tirreniche a causa di una debole perturbazione proveniente da ovest, seguito da un nuovo intenso calo termico a tutte le quote.Il calo termico "interverrà" tra Martedì 11 e Mercoledì 12 Dicembre, quando ulteriori nevicate raggiungeranno il medio-basso versante adriatico e il sud della Penisola.

Freddo intenso che al centro-nord si intensificherà, almeno fino alla giornata di Giovedì 13 Dicembre, con temperature massime solo di qualche grado sopra lo zero positivo, ma che nelle ore notturne potrebbero scendere di 5/6°C sotto lo zero.


Nel frattempo tra Portogallo e Penisola Iberica andrà ad approfondirsi una profonda depressione, che a partire da Venerdì 14 Dicembre incomincerà ad inviare masse d'aria molto umidi verso le regioni nord-occidentali della Penisola. La neve nuovamente a causa della presenza di un "cuscino" freddo potrebbe ricomparire nuovamente sulle pianure del nord. Sarà invece pioggia al nord-est, con termiche qui in leggero aumento.

Tra Sabato 15 e Domenica 16 Dicembre la depressione iberica con i venti da scirocco, riporterà la pioggia al nord, mentre la neve cadrà solo sulle Alpi. Le piogge raggiungeranno anche il centro, con termiche ancora in crescita.

Tra Lunedì 17 e Sabato 22 Dicembre la nostra Penisola continuerà ad essere interessata dal passaggio di fronti atlantici, a causa dell'assidua presenza di una vasta depressione al largo della Penisola Iberica, ma anche dell'avvenuto "ricompattamento" del Vortice Polare.Le temperature non subiranno variazioni degni di nota, tendenzialmente miti, di qualche grado oltre la media stagionale.

Carta sinottica prevista per il 15 dicembre

Precipitazioni attese per parte del 15 dicembre

Fabio Porro


Stampa