Immagine Galleria Multimediale di Paolo Sottocorona
La sezione contiene anche un filmato con il Generale Andrea Baroni ospite negli studi televisivi de La7, nel settembre del 2005.Come sapete il Capitano Paolo... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine IL DECLINO DELL’ESTATE TRA ASTRONOMIA, VECCHIA E NUOVA CLIMATOLOGIA
La prossima settimana inizierà agosto. L’ultimo mese dell’estate meteorologica ci proporrà... Leggi tutto...
Immagine UNA SETTIMANA DI GRAN CALDO: DA MERCOLEDÌ LE TEMPERATURE PIÙ ELEVATE SU TUTTA ...
Nel corso di questa settimana entreremo nel pieno della quarta ondata di calore, iniziata con il... Leggi tutto...
Immagine GFS 500hPa Vort
GFS 500hPa Vort. E' la vorticità assoluta, che misura (in questo caso all'altezza geopotenziale di... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Latina
Vari scenari attesi si leggono negli spaghetti Ensemble del modello americano GFS località per... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Chernobyl: uno studio ci racconta la fauna selvatica nei pressi del sito dell’incidente nucleare

Chernobyl: uno studio ci racconta la fauna selvatica nei pressi del sito dell’incidente nucleare

Alcuni animali nella zona di esclusione di ChernobylL'area intorno alla centrale nucleare di Chernobyl, sede di un catastrofico incidente nucleare nell'aprile del 1986, può anche essere quasi priva di vita umana, ma la fauna selvatica è invece fiorente. Uno studio dell'Università della Georgia che utilizzava come esche carcasse di pesce e telecamere attivate dal movimento ha riscontrato un'abbondanza di varietà di fauna selvatica proprio nella cosiddetta "zona di esclusione" di Chernobyl.

La zona è un'area di 2.500 chilometri quadrati evacuata dopo l'incidente nello stabilimento ucraino, in quella che allora era l'Unione Sovietica. È illegale vivere nella zona, che si trova a circa 130 chilometri a nord di Kiev, ma da 130 a 150 persone che si sono rifiutate di andarsene vivrebbero ancora lì, almeno secondo BBC.com. Circa 5.000 persone lavorano nella zona, e c'è anche un hotel turistico per le persone che hanno il permesso di farvi visita, secondo Mental Floss.

Gli scienziati sono da tempo interessati alla fauna selvatica nella zona. Uno studio del 2015 ha riscontrato abbondanza di fauna, compresi i lupi grigi. In questo recente studio, pubblicato sulla rivista Food Webs, i ricercatori hanno avvistato cinque specie di uccelli, tra cui le aquile dalla coda bianca e 10 mammiferi, tra cui il visone americano e le lontre di fiume.

Dieci specie di mammiferi e cinque di uccelli sono state documentati tra cui (vedasi la figura) ghiandaie eurasiane (a), cani procione (b), lontre eurasiane (c) e lupi (d).(Fonte: Univerisity of Georgia). Per attirare gli animali ed essere fotografati, le carcasse di pesce venivano collocate lungo la riva del fiume Pripyat e accanto ai canali di irrigazione vicini.


"Dato che tutte le nostre carcasse sono state consumate da specie terrestri o semi-acquatiche, si verifica che il movimento delle risorse nutrizionali tra ecosistemi acquatici e terrestri avviene più frequentemente di quanto spesso riconosciuto", ha detto James Beasley, un co-autore dello studio e professore associato presso il Savannah River Ecology Laboratory (SREL) e la Warnell School of Forestry and Natural Resources. Peter Schlichting, un ricercatore post dottorato SREL al momento dello studio, è stato il principale investigatore.

"Tendiamo a pensare che pesci e altri animali acquatici restino nell'ecosistema acquatico, questa ricerca ci mostra che se una proporzione ragionevole di pesci morti arriva a riva, c'è un intero gruppo di specie terrestri e semi-acquatici che trasferiscono quei nutrienti al paesaggio terrestre ". Le specie di mammiferi identificate nello studio erano il topo da campo a strisce, il topo dal collare giallo, il topo da raccolto, la donnola, la martora, la volpe rossa, i cani da procione, il visone americano, la lontra eurasiatica e i lupi. Di contro, le specie di uccelli includevano la ghiandaia eurasiatica e la gazza comune, il corvo, l'allocco e l'aquila dalla coda bianca.

A cura di Dario De Santis
Fonte: Weather.com

Stampa