Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteo e Clima in Provincia di Fermo
La provincia di Fermo parte dalla costa adriatica, a est, alla catena dei Sibillini, la quale la... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Asti
La provincia di Asti è una provincia italiana del Piemonte; conta 217.574 abitanti (secondo i dati... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 7 - I MODELLI FISICO-MATEMATICI E LA PREVISIONE DEL TEMPO
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Sassari (WRF)
Radiosondaggi previsti dal modello matematico WRF per la città di Sassari
Immagine Spaghetti Ensemble de Lecce
Località per località l'Ensemble con gli spaghetti del modello americano GFS. Viene mostrato... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Intensa tempesta di polvere in Medio Oriente e il cielo diventa rosso scuro

Intensa tempesta di polvere in Medio Oriente e il cielo diventa rosso scuro

Cielo rosso per l'intensa tempesta di polvere e sabbiaUna forte tempesta di sabbia ha inghiottito parte della Turchia, Iraq e Siria alla fine di gennaio 2018, trasformando il cielo in rosso scuro.

La nuvola di polvere spazzando poi Iran, Arabia Saudita, Yemen, Oman, Turkmenistan, Kazakistan e Uzbekistan ma, fortunatamente, con concentrazioni decrescenti.

In particolare l'intensa tempesta di polvere proveniente da Siria e Iraq ha avvolto il sud-est della Turchia il 19 gennaio 2018, riducendo naturalmente la visibilità e la qualità dell'aria.

Le più colpite sono state le province sudorientali di Diyarbakir, Diyarbakır, Şırnak, Mardin, Şanlıurfa e Batman e soprattutto Mardin.Polvere accompagnata in alcuni casi da pioggia fangosa che ha portato l'area al buio, costringendo le autorità di Mardin a dare alle donne diversamente abili, malate o incinte in uffici pubblici un giorno di ferie dal lavoro, secondo il Daily Sabah.

Il giornale stesso riporta che i negozianti hanno dovuto chiudere le loro attività durante la giornata per mancanza di clienti e che i genitori si sono astenuti dal portare i loro figli a scuola, mentre nel frattempo il cielo diventava rosso vicino al confine siriano.

L'evento ha anche disturbato la terra e il traffico aereo, cancellando i voli tra Ankara e Mardin.


Come detto la tempesta ha avuto origine dalla Siria e dall'Iraq, dove la sabbia ha causato gravi problemi a milioni di persone. Le province più colpite in Siria erano quelle del Governatorato di Al-Hasakah. La tempesta ha ridotto la visibilità nella regione del Kurdistan, in Iraq, fino a 500 m (0,3 miglia) a Tuz Khurmatu, a 2 km (1,2 miglia) a Erbil, a 4 km (2,5 miglia) a Kirkuk ea 5 km (3,1 miglia).

Alcune delle regioni sono state coperte da pesanti coltri di sabbia con le più alte concentrazioni di polveri nell'Iraq orientale, dove la visibilità è scesa a 1,2 km a Sulaymaniya e a 1,5 km a Bassora e in particolare nell'Iran occidentale, con visibilità fino a 100 m (328 piedi) a Ilam e 300 m (984 piedi) ad Ahvaz.

A cura di Dario De Santis
Fonte: Watchers.news

Stampa