Immagine Temperatura del mare - Anomalia
Questa mappa mostra l'anomalia della temperatura superficiale del mare, ovvero la differenza rispetto alla media del periodo (Unisys).Altri dati:
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Livigno (Sondrio)
Webcam Livigno: splendida panoramica. Siamo in provincia di Sondrio (SO), regione... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Marco Simone (Guidonia - RM)
Webcam da Marco Simone (Guidonia -RM-), a 96 mt slm, in direzione SW inquadrando la capitale. I... Leggi tutto...
Immagine WRF 925hPa Temp RH (ita) - 7km ARW by GFS
Umidità relativa (RH) e temperatura previsti alla quota geopotenziale di 925hPa sull'Italia.... Leggi tutto...
Immagine WRF Cloud Type (ita - backup)
Mappa di backup del modello WRF con le nubi e loro tipologia (alte, medio, basse o miste) anziché... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

L’APICE DEI CONTRASTI TERMICI VERSO LA METÀ DELLA PROSSIMA SETTIMANA

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 07 Giugno 2024 06:00

L’APICE DEI CONTRASTI TERMICI VERSO LA METÀ DELLA PROSSIMA SETTIMANA

Anomalie attese per il 12-13 giugno 2024Man mano che la modellistica numerica ricalcola il futuro stato del tempo partendo da nuove condizioni iniziali e man mano che la distanza temporale a cui si proiettano gli scenari diminuisce per scendere al di sotto di una settimana, l’attendibilità della previsione inizia a crescere e a far sì che l’evoluzione calcolata circa la dislocazione delle figure bariche a scala sinottica diventi più nitida e quindi affetta da minore incertezza.

Dall’analisi dell’aggiornamento odierno, per esempio, si nota che con buona probabilità l’apice dei contrasti derivanti dall’interazione tra una massa d’aria molto calda proveniente dall’entroterra nord africano e una massa d’aria decisamente più fresca di matrice nord atlantica possa verificarsi verso la metà della prossima settimana, cioè quando sarà probabilmente massima l’estensione meridiana della saccatura che andrà prendendo forma, come detto, tra domenica e lunedì.

Questa situazione sarà dovuta alla lenta traslazione della saccatura verso levante, tanto da rimanere in parte bloccata lungo i meridiani passanti per l’Europa centro-occidentale e oscillare attorno a questa posizione per almeno due o tre giorni.

Da un lato avremo quindi un ulteriore avanzamento dell’aria fresca atlantica verso sud lungo il ramo discendente del cavo d’onda e dall’altro un’intensificazione del promontorio nord africano favorita dalla risalita di aria ancor più calda: se quindi sulla penisola iberica si potrebbero sperimentare temperature a 1500 metri (850 hPa) fino a 6-8 °C al di sotto delle medie del periodo, laddove il flusso subtropicale prenderà ancora più vigore sarà probabile vedere isoterme oscillanti intorno 25 °C o localmente superiori alla medesima quota, in scorrimento da sud-ovest verso nord-est fino a raggiungere le estreme regioni meridionali dove l’anomalia positiva di temperatura potrebbe raggiungere 8-10 °C e dare quindi all’avvezione subtropicale caratteristiche di intensa ondata di calore.



Nel definire gli effetti sullo stato del nostro tempo di questa situazione che sembra evolvere in modo abbastanza lento andremo avanti passo dopo passo, iniziando da domani con il quadro atteso nel fine settimana.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa