Immagine Un'enorme Luna al di fuori del nostro sistema solare (forse)
Mentre ci sono molti pianeti che sappiamo esistere al di fuori del nostro sistema solare, una luna in orbita di uno di loro deve ancora essere confermata. Ma... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Icon 300hpa Wind (Wz)
Venti a 300hPa attesi dal modello tedesco ICON.
Immagine WRF MSLP - 500hPa Temp (ita) - ARW by GFS
Modello WRF-ARW (base dati GFS) con la mappa per l'Italia della temperatura e dell'altezza... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Trento
La provincia di Trento si trova nel versante meridionale della catena delle Alpi, a contatto con la... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Molise - Mappe grafiche dettagliate esaorarie
Le previsioni meteo per la regione Molise. Il tempo atteso di notte, mattina, pomeriggio, sera

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

PROMONTORIO NORD AFRICANO: SI RICOMINCIA

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 02 Aprile 2024 16:00

PROMONTORIO NORD AFRICANO: SI RICOMINCIA

Anomalia della temperatura a 2 metri a marzo 2024Marzo, il primo mese della primavera meteorologica, è da poco terminato. È stato un mese che ha posto questa volta, sotto i riflettori, il tema della pluviometria per le reiterate condizioni favorevoli alle precipitazioni che hanno interessato il modo particolare il Nord e il versante tirrenico: tra queste regioni, spiccano in particolare quelle di Nord-Ovest dove sono state davvero ingenti le cumulate di pioggia in pianura e di neve in montagna. Agli antipodi il versante adriatico – specie quello centro-meridionale – e il Sud dove invece la scarsità delle precipitazioni cadute ha purtroppo contribuito a inasprire la siccità, iniziata lo scorso autunno. Dal punto di vista termico, invece, insieme a tutta l’Europa l’Italia ha vissuto un mese di marzo più caldo del normale, con le anomalie positive più marcate che hanno interessato l’area balcanica e parte di quella centro-orientale, dove gli scarti rispetto alla climatologia 1981-2010 sono stati per lo più compresi tra 3 e 6 °C (fig. 1).

C’è quindi sempre un segnale «caldo» a fare da sfondo alle dinamiche atmosferiche che si susseguono, che siano di stampo ciclonico o anticiclonico: un’evidenza, questa, che rimarca ancora una volta come il bilancio termico tra masse d’aria calda e masse d’aria fredda sia nettamente a favore delle prime che riescono a lasciare sul campo un'impronta ben più marcata e quindi condizionante rispetto a quelle fredde, alla fine poco incisive sul bilancio termico mensile. Finita ora la fase a tratti perturbata, gli equilibri dell’atmosfera tenderanno a spostarsi, come abbiamo accennato nell’ultima analisi, verso una maggiore stabilità atmosferica che si legherà gradualmente a una rimonta del promontorio nord africano, in via di espansione verso il Mediterraneo centrale e parte dell’Europa sul finire della settimana.

Il disegno barico medio inquadrato dalla modellistica numerica sul periodo 6-10 aprile (fig. 2) denota in modo chiaro la forma a campana della struttura anticiclonica e l’annesso trasporto di aria molto mite per il periodo, con scarti medi dalla climatologia che sui cinque giorni appena menzionato potrebbero portarsi intorno a 8-10 °C, con picchi fino a 12-14 °C oltralpe. È un segnale forte quello di questo primo sussulto del promontorio di questa stagione primaverile: un segnale che ormai abbiamo imparato a conoscere tutte le volte in cui l’onda subtropicale continentale, che sia passeggera o di blocco, transita attraverso il Mediterraneo e l’Europa centro-meridionale: le anomalie positive intorno ai 10 °C sono una sua caratteristica e, allo stesso tempo, diventano determinanti per gettare le basi dell’anomalia termica del mese in cui esse si verificano. In questo caso, nel corso dei cinque giorni considerati l’onda anticiclonica dovrebbe traslare lentamente da ovest verso est e lasciare spazio, verso l’inizio della seconda decade di aprile, a superfici isobariche meno “gonfie” che potrebbero introdurre condizioni più instabili dell’atmosfera.



Potrebbe però esserci un nuovo segnale anticiclonico a seguire, con il flusso atlantico intento a scorrere a latitudini più elevate: come sempre, analizzeremo la futura evoluzione strada facendo.

Anomalia della temperatura attesa per il 6-10 aprile 2024

Proiezione attesa per i primi giorni della seconda decade aprile 2024


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla
pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa