Immagine Alba, tramonto, aurora e crepuscolo
Alba, tramonto, aurora e crepuscolo sembrano termini semplici e ovvi. Eppure non tutti hanno in mente con chiarezza il loro esatto significato (che invece... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Webcam - Monte Amiata (Grosseto)
Webcam Monte Amiata, il massiccio in provincia di Grosseto (GR), regione Toscana.
Immagine Webcam - Locorotondo (Bari)
Webcam Locorotondo, panoramica, in provincia di Bari (BA), regione Puglia.
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Biella
La provincia di Biella è una provincia italiana del Piemonte. Si trova nella parte nord della... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Salerno
Anche dalla mappa qui a fianco si può notare la vastità della provincia di Salerno, tanto da... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 2 - Gli elementi meteorologici principali
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

DA GIOVEDÌ AL VIA UN PERIODO INSTABILE CON PIOGGE E NEVICATE

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 21 Febbraio 2024 07:00

DA GIOVEDÌ AL VIA UN PERIODO INSTABILE CON PIOGGE E NEVICATE

Saccatura attesa per il 22 febbraio 2024La lunga fase stabile ed eccessivamente mite è ormai agli sgoccioli. Già nella giornata odierna i primi avamposti del cambiamento della circolazione hanno avuto modo di lasciar intendere, con la formazione di prevalenti fenomeni di instabilità, che in quota il campo di pressione ha iniziato a indebolirsi. Questa tendenza all’indebolimento si concretizzerà ancor di più tra giovedì 22 e venerdì 23, quando un’ampia e profonda saccatura nord atlantica accompagnerà l’ingresso sul Mediterraneo centro-occidentale di una perturbazione e aprirà, per le nostre latitudini, un periodo piuttosto vivace ed irrequieto che ci accompagnerà in questi ultimi giorni dell’inverno meteorologico (fig. 1).

La forma del cavo d’onda, in approccio alle coste occidentali europee proprio nel pomeriggio di giovedì, ci offre uno spunto didattico per comprendere che cosa vuol dire quando i sistemi perturbati trovano anche una minima resistenza anticiclonica lungo il proprio cammino, prima di entrare sul Mediterraneo. Proprio a causa di questo ostacolo, nella prima fase di questo cambio di circolazione l’abbassamento di latitudine dell’intenso flusso perturbato atlantico non farà in tempo a spianare in modo deciso la strada all’ingresso della parte più attiva della perturbazione sulla penisola iberica.

Riuscirà nell’intento soltanto nel momento in cui l’asse della saccatura sarà ormai troppo vicino alla nostra penisola e quindi solo quando il fronte freddo sarà ormai in procinto di transitare senza essere preceduto da un attivo richiamo meridionale perché quest’ultimo si andrà costruendo in corso d’opera. Per comprendere ancora meglio questo particolare sinottico, può essere utile il confronto tra la configurazione che sperimenteremo tra giovedì e venerdì (22-23 febbraio) e quella che abbiamo invece vissuto durante il passaggio dell’ultima importante perturbazione, avvenuto a cavallo del 10 febbraio (fig. 2).

Pur restando nel complesso invariata la situazione a scala sinottica – perché in entrambi i casi si osserva comunque la presenza di una vasta circolazione ciclonica in azione sull’Europa occidentale – a far la differenza è sostanzialmente l’angolo di incidenza del sistema perturbato che, per portare i massimi effetti a partire dal Nord-Ovest, deve essere accompagnato da un sensibile calo della pressione atmosferica al suolo già sul Mare di Alboran.



Le conseguenze di questa dinamica sono ben visibili osservando la stima della cumulata delle precipitazioni che questo primo sistema perturbato distribuirà sulla nostra penisola fino a venerdì sera: per ora ci fermiamo a questa scadenza temporale (fig. 3). Proprio per le motivazioni appena spiegate, il Nord-Ovest potrebbe restare in parziale ombra pluviometrica insieme a parte del versante adriatico. La disposizione del flusso, in prevalenza dai quadranti sud-occidentali, dovrebbe invece incentivare le precipitazioni più intense e organizzate dalla Lombardia al Nord-Est, sul Levante Ligure e lungo il versante tirrenico e nella giornata di sabato 24 anche al Sud.

Queste prime indicazioni fornite vogliono essere solo una prima bozza di previsione che andrà ovviamente dettagliata, nei limiti del possibile, in uno dei prossimi interventi nei quali si parlerà anche delle quote delle nevicate e del proseguo di questa fase instabile: si conferma infatti la tendenza al probabile passaggio di altri impulsi instabili nei giorni successivi, con qualcuno di questi che potrebbe avere una direzione di provenienza più occidentale rispetto a quella di questa prima perturbazione.

Confronto con l'ingresso perturbato del 10 febbraio 2024

Stima accumuli precipitativi 23 febbraio 2024


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa