Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Indici di instabilità
È grazie a questi ultimi (moti convettivi) che si sviluppano celle temporalesche e quindi le... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Caserta
Nella provincia di Caserta si trova la zona pianeggiante più estesa della regione e il clima ne è... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...
Immagine Webcam in Campania
Una selezione delle webcam disponibili nella regione Campania Avellino (AV)Caserta (CE)Napoli... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Roma San Pietro (Roma)
Webcam Roma, verso San Pietro, regione Lazio.

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

GRANDE CALDO IN ARRIVO: TEMPERATURE E DISAGIO BIOCLIMATICO PER DOMENICA 16 E LUNEDÌ 17. IL RISCHIO CLIMATOLOGICO PER LA SETTIMANA

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 15 Luglio 2023 15:00

GRANDE CALDO IN ARRIVO: TEMPERATURE E DISAGIO BIOCLIMATICO PER DOMENICA 16 E LUNEDÌ 17. IL RISCHIO CLIMATOLOGICO PER LA SETTIMANA

Temperature e indice di disagio per il 16 luglio 2023Dopo aver discusso sulle caratteristiche generali della severa ondata di caldo ormai prossima, è arrivato il momento di fornire una stima delle temperature massime che potrebbero essere raggiunte. Proporrò un aggiornamento sull’andamento termico previsto ogni due giorni, in modo da avere ogni volta una previsione più aggiornata da analizzare e da proporre. Iniziamo allora con il quadro termico atteso per domani (domenica 16) e dopodomani (lunedì 17), quando il promontorio nord africano tenderà a rinforzarsi sulla nostra penisola e inizierà a far risalire verso nord la massa d’aria rovente prelevata dall’entroterra sahariano.

DOMENICA 16 LUGLIO – Temperature massime in aumento su tutta la penisola, con valori fino a 34-35 °C in Pianura Padana e fino a 36-37 °C in Emilia Romagna. Molto caldo anche al Centro e su Campania e Calabria, con massime per lo più comprese tra 32 e 38 °C e qualche isolato picco fino a 39-40 °C non escluso. Caldo estremo su Puglia, Basilicata e Isole Maggiori, con valori per lo più compresi tra 35 e 40 °C e picchi fino a 41-42 °C. Prevalenti condizioni di disagio fisiologico per caldo tra moderate e forti.

LUNEDÌ 17 LUGLIO – Ulteriore aumento delle temperature su tutta l’Italia. Al Nord valori diffusamente compresi tra 33 e 37 °C ad eccezione dell’Emilia Romagna dove si potranno raggiungere i 38-39 °C. Su Toscana, Umbria, Marche e Abruzzo temperature massime fino a 36-38 °C, con qualche punta non esclusa di 39-40 °C. Sulle restanti regioni peninsulari e sulla Sicilia temperature massime per lo più comprese tra 35 e 40 °C con probabili numerosi picchi di 41-42 °C. Sulla Sardegna temperature a cavallo dei 40 °C e punte fino a 43-44 °C. Peggioramento del disagio bioclimatico che diverrà in prevalenza tra moderato e forte su tutta la penisola, localmente estremo sulla Sardegna.



Martedì 18 sarà ancora possibile un ulteriore lieve aumento delle temperature che rimarranno sostanzialmente stazionarie anche nella giornata di mercoledì 19: saranno queste le due giornate in cui il grande caldo accomunerà quasi tutte le nostre regioni e in modo particolare quelle centro-meridionali. Vedremo la previsione in dettaglio nella giornata di lunedì.

Intanto uno spunto di riflessione per far comprendere la portata della severa ondata di caldo ormai alle porte. Come sempre, ci viene in aiuto l’Extreme Forecast Index (EFI), applicato alla temperatura a 2 metri: abbiamo ormai imparato che questo indice è un valido strumento prognostico per stimare l’intensità dell’anomalia del campo atmosferico a cui si applica perché valori dell’indice superiori al valore di 0.8 °C evidenziano elevate probabilità che si possa trattare di condizioni anomale molto insolite o estreme e quindi eccezionali. Nell’ultima immagine si fa riferimento al valore di EFI mediato su tre giorni: il fatto che su gran parte della nostra penisola la media del valore sia compreso tra 0.8 e 1 vuol dire che le condizioni estreme saranno molto probabilmente persistenti.

Giusto per fare un esempio e capire il concetto, si potrebbe delineare uno scenario che diventerebbe eccezionale nella sua eccezionalità perché potrebbe anche succedere che i record di caldo relativi (cioè riferiti a luglio) e assoluti (cioè di sempre) possano essere battuti in sequenza. Sarebbe come dire che al primo giorno si batte il record, al secondo giorno si ribatte il record che era stato battuto il giorno prima e che successivamente ci si avvicini o addirittura si corregga l’ultimo record di qualche decimo. La gravità dell’onda di calore, unita alla sua persistenza, potrebbe quindi conferire a questa fase meteorologica una portata davvero storica per intensità e diffusione del fenomeno alla maggior parte della nostra penisola.

Temperature e indice di disagio per il 17 luglio 2023

Caldo estremo mediato su tre giorni

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche allapagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera







Stampa