Immagine Meteosat. Italia. Canale: VIS (visibile)
Immagine dell'Italia nel canale visibile (VIS) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di Eumetsat elaborata da . Immagine ad alta risoluzione... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine LE PRIME PIOGGE? PER ORA APPESE ALLA SPINTA DI UNA CIRCOLAZIONE SECONDARIA IN OC...
Fino a domani, martedì 15 settembre, il campo anticiclonico con radice subtropicale continentale... Leggi tutto...
Immagine Inverno contro Estate: chi si è scaldato di più?
Numerosi autori e Riviste Scientifiche (Brunetti et al., Nimbus, ArCIS, ecc.) hanno dimostrato che... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Torino
La provincia di Torino è composta da una parte montagnosa ad ovest e a nord lungo il confine con... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo nazionali 24h - Tabelle riassuntive per le principali città it...
Previsioni meteo nazionali con il tempo atteso per le principali città italiane. In queste mappe... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

POSSIBILE ONDATA DI CALDO NELLE MANI DI UNA GOCCIA FREDDA: ECCO PERCHÉ È NECESSARIO ANCORA ASPETTARE PRIMA DI SCIOGLIERE LA PROGNOSI

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 02 Luglio 2023 00:00

POSSIBILE ONDATA DI CALDO NELLE MANI DI UNA GOCCIA FREDDA: ECCO PERCHÉ È NECESSARIO ANCORA ASPETTARE PRIMA DI SCIOGLIERE LA PROGNOSI

Proiezione attesa per l'8 luglio 2023Nella linea di tendenza discussa nell’ultima analisi abbiamo specificato come sia ancora prematura la previsione relativa all’avvio di un’ondata di calore sull’Italia dopo l’8 luglio. D’altro canto manca ancora una settimana all’inizio del possibile evento e, come tutte le previsioni che si rispettano, se si va oltre una certa distanza temporale sussiste il rischio di commettere errori non certo perché… «i modelli sbagliano», ma perché si è avuto un po’ troppa fretta di correre a dare la notizia. È pur vero che la predicibilità a medio e lungo termine degli scenari legati all’espansione del promontorio nord africano è di solito più elevata rispetto a quella relativa agli scenari che contemplano altre dinamiche, ma credo che in tutti i casi la prudenza non sia mai troppa perché, in ambito atmosferico, si ha sempre a che fare con un sistema complesso, caotico e sensibile alle condizioni iniziali.

A tal proposito, nella previsione di nostro interesse relativa alla possibile nuova espansione del promontorio subtropicale rivestirà un ruolo chiave il comportamento della goccia fredda che sabato prossimo, 8 luglio, si posizionerà grosso modo a ovest delle Isole Britanniche. Non sarà quindi una saccatura – cioè una conca di bassa pressione allungata lungo i meridiani – a stuzzicare il promontorio nord africano, bensì una circolazione sempre depressionaria ma chiusa a tutte le quote che si comporterà come una trottola in rotazione su se stessa, in posizione semistazionaria.

Definire passo dopo passo queste posizioni e i relativi raggi d’azione entro i quali agirà la goccia fredda sarà quindi fondamentale per comprendere l’entità delle sollecitazioni che proprio questa circolazione potrebbe imprimere al promontorio nord africano dal momento che, come abbiamo più volte detto, la spinta subtropicale dall’entroterra nord africano verso il Mediterraneo (freccia rossa) dipende dalla spinta che si verifica lungo i meridiani atlantici (freccia blu).

Proprio perché siamo in presenza di una goccia fredda e non saccatura, che essendo più organizzata e profonda riuscirebbe a sollecitare meglio il richiamo subtropicale, ci troviamo ancora di fronte ad un’instabilità delle soluzioni riguardanti proprio il movimento della trottola ciclonica che è isolata dal flusso perturbato principale e quindi fa un po’… quel che le pare: bastano così posizioni di poco differenti tra le soluzioni calcolate dai modelli per rafforzare, ritardare o attenuare l’espansione subtropicale alle nostre latitudini e quindi per andare incontro a diverse tipologie di avvezioni di aria calda e osservare diversi fronti di avanzamento.



In queste situazioni così in bilico, 7-10 giorni di distanza dal possibile evento sono tanti e quindi, per il momento, andare oltre una previsione che dia per probabile un rialzo termico rispetto alle temperature che si registreranno in questi giorni diventa un azzardo.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa