Immagine
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera e un lavoro che mi ha fatto vestire i panni di docente e di... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in America Meridionale
L'America Meridionale è la parte del continente americano posta a sud dell'. Viene attualmente... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo nazionali 24h - Mappe grafiche riassuntive delle 24 ore
Le previsioni meteo sull'Italia con il tempo stimato per i prossimi giorni. In queste mappe il... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Serra San Bruno (Vibo Valentia)
Webcam Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia (VV), regione Calabria.... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Amantea (Cosenza)
Webcam Amantea: panoramica dall'Hotel La Tonnara di Amantea, in provincia di Cosenza (CS),... Leggi tutto...
Immagine L’AUTUNNO METEOROLOGICO SI CONGEDERÀ CON UNO SCENARIO INVERNALE
Tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima l’Italia sperimenterà le prime... Leggi tutto...
Immagine Glossario Meteo. Lettera U - Da Umidità a UTC
Umidità atmosferica Contenuto di vapor acqueo nell’atmosfera, indicato in termini di umidità... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

APPESI AL DESTINO DI UNA GOCCIA FREDDA PER SPERARE NELL’APERTURA DELLA PORTA ATLANTICA

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 10 Novembre 2022 17:00

APPESI AL DESTINO DI UNA GOCCIA FREDDA PER SPERARE NELL’APERTURA DELLA PORTA ATLANTICA

Evoluzione goccia fredda 12-14 novembre 2022Nell’ultima analisi ci eravamo lasciati con le incertezze sui confini che avrebbe potuto avere il campo di alta pressione in attuale fase di rimonta sul settore centro-occidentale europeo e abbiamo affermato che una posizione più settentrionale rispetto all’Italia del centro motore anticiclonico avrebbe potuto esporre la nostra penisola a correnti più fresche verso l’inizio della seconda decade di novembre.

Gli ultimi aggiornamenti confermano questa ipotesi, a cui la modellistica aveva dato già abbastanza credito proprio qualche giorno fa nei suoi prodotti di ensemble. Vanno così delineandosi proprio quei confini da cui dipenderà l’evoluzione del tempo delle nostre latitudini tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, quando proprio lungo il bordo orientale della figura di alta pressione scorrerà una circolazione chiusa di bassa pressione, ricolma di aria molto fresca in quota, che con moto retrogrado (da est verso ovest) approccerà le regioni meridionali nella giornata di sabato, per poi spostarsi sull’area tirrenica domenica ed estendere la propria influenza anche al Nord Italia nella giornata di lunedì 14: questa dinamica renderà lo stato del tempo tra il variabile e l’instabile (fig. 1).

Ho parlato di aria molto fresca e non fredda perché, a circa 1500 metri di quota, i valori di temperatura non toccheranno probabilmente ancora la soglia degli 0 °C, ma saranno per lo più compresi tra +2 e +5 °C. Si apprezzerà invece il calo termico, dal momento che il movimento retrogrado della ristretta circolazione in quota comporterà per il Centro-Sud il passaggio da una condizione di anomalia positiva di 4-6 °C ad una negativa di 2-4 °C, mentre per il Nord da 6-10 °C sopra la media si passerà ad una situazione tutto sommato normale per il periodo.

Nel complesso, si tratterà di un segnale di raffreddamento relativamente incisivo se valutato localmente, ma che perde importanza se valutato nel contesto atmosferico in cui si inserisce. E cioè nel contesto di un campo anticiclonico alimentato da aria subtropicale continentale che a grande scala porterà l’Europa centro-settentrionale a sperimentare, per l’ennesima volta, una condizione termica decisamente fuori dal comune perché il flusso meridionale realizzerà su buona parte del nostro continente le ennesime condizioni di mitezza fuori stagione: tra l’11 e il 15 novembre, si prevedono infatti temperature a 1500 metri diffusamente oltre le medie del periodo anche di 8-12 °C (fig. 2).



Limitatamente all’Italia, lo scarto dalla norma sarà più ridotto proprio per gli effetti del nucleo molto fresco in transito che avrà il merito di limare l’anomalia positiva, per arrivare quasi ad annullarla sulle nostre regioni centro-meridionali e a contenerla al Nord entro i 3-5 °C: non che sia uno scarto trascurabile, ma andrà sicuramente meglio rispetto agli altri settori. L’azione retrograda della goccia fredda potrebbe successivamente incoraggiare il flusso perturbato atlantico a entrare dal Mediterraneo occidentale perché con la sua azione andrà a recidere la radice subtropicale che alimenta la figura di alta pressione.

Ci troveremo quindi di fronte una struttura anticiclonica che tenderà a sgonfiarsi, a indebolirsi e che quindi potrebbe risultare più vulnerabile agli effetti dell’azione perturbata occidentale. Pur mancando ancora un segnale forte in tal senso nei calcoli della modellistica numerica a medio e lungo termine, questa evoluzione è l’unica al momento proposta che sia in grado di poter dare qualche speranza in più affinché si apra la porta atlantica per far arrivare il piovoso respiro delle perturbazioni fino alle nostre regioni.

Anomalia della temperatura 11-15 novembre 2022


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla
pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa