Immagine Meteo e Clima in Provincia di Parma
La provincia di Parma è la quarta dell'Emilia-Romagna per popolazione. Confina a nord con la Lombardia (provincia di Cremona e provincia di Mantova), ad est... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Avellino
La provincia di Avellino è una provincia italiana della Campania di 425 325 abitanti, secondo i... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Macerata
La provincia di Macerata è la più estesa delle Marche ed è bagnata a est dal mare Adriatico e... Leggi tutto...
Immagine Settembre 2019: tieni d'occhio il cielo, arrivano 3 eventi astronomici!
L'arrivo di settembre segna il cambiamento della stagione. Sebbene l'autunno astronomico inizi alla... Leggi tutto...
Immagine Proverbi e detti popolari del mese di Maggio
Wikipedia docet: << Maggio è il quinto mese dell'anno secondo il calendario gregoriano ed il... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 850hPa 48h Diff (ita) - 5km ARW by GFS
Modello WRF-ARW-5km (dati GFS) sull'Italia, dove è rappresentata la differenza di temperatura... Leggi tutto...
Immagine WRF MTS (Mean Thunder Storm) e Hail Index (centro-nord) - ARW by GFS
Indice MTS (Mean ThunderStorm Index) per la previsione della probabilità dei fenomeni avversi e... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

FINALMENTE UN PO’ DI PIOGGIA AL NORD-OVEST

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 08 Ottobre 2022 11:00

FINALMENTE UN PO’ DI PIOGGIA AL NORD-OVEST

Circolazione 8 ottobre e mappa 9 ottobre 2022Il campo di alta pressione di matrice azzorriana, che ha caratterizzato il tempo di questa prima settimana di ottobre, inizia a scricchiolare. Il satellite, nostro fedele collaboratore, già da ieri ha iniziato infatti a mostrarci in prossimità delle Isole Baleari la formazione di una nuvolosità cumuliforme, a testimoniare l’ingresso sul Mediterraneo occidentale di aria moderatamente umida e instabile di origine atlantica che si muove in seno a una blanda circolazione ciclonica presente alle quote superiori (prima foto a sinistra).

Nel corso delle prossime ore queste condizioni di instabilità si muoveranno verso nord-est, andando temporaneamente a interagire con la coda di una perturbazione atlantica che scorrerà con la sua parte più attiva sull’Europa centro-settentrionale e che sarà subito seguita da un aumento del campo di pressione al suolo proprio su questi settori. Pur non andando incontro a un vistoso cambiamento della struttura della colonna atmosferica – perché tutto sommato le altezze di geopotenziale in area mediterranea resteranno su valori abbastanza elevati – per la giornata di domani (domenica 9) si creeranno condizioni favorevoli per vedere il ritorno di un po’ di pioggia soprattutto sulle nostre regioni di Nord-Ovest.

Non vogliatemene, allora, se invece di parlare di peggioramento del tempo parlo per una volta di miglioramento, perché in queste aree è necessario che piova. La circolazione prevista per domani negli strati medio-bassi (prima foto a destra) ci mostra infatti come su questo angolo d’Italia, saltato molto spesso dai sistemi perturbati dallo scorso inverno, si vadano a incastrare alla perfezione le convergenze dei flussi atmosferici: da un lato avremo una modesta circolazione ciclonica, centrata sul Golfo del Leone, che richiamerà verso le Alpi piemontesi una corrente umida meridionale e dall’altro avremo il rientro di aria più fresca da est, in uscita dall’altrettanto modesta circolazione anticiclonica che si collocherà tra Francia e Germania.



Ecco che allora, nella giornata di domani (domenica 9), l’incastro tra questi due flussi e il trampolino di lancio messo a disposizione dal baluardo alpino faranno sì che piogge piuttosto diffuse possano cadere su Piemonte, Ponente Ligure e settori occidentale e settentrionale della Lombardia, con una forbice della cumulata che entro sera potrebbe essere sui 20-40 millimetri e con picchi che risulteranno localmente superiori sulle aree alpine maggiormente esposte a stau (seconda foto, a sinistra): si tratterà di precipitazioni non particolarmente abbondanti se guardiamo ai quantitativi che di solito cadono durante i classici richiami dai quadranti meridionali, ma che avranno comunque il merito di regalare a queste zone una giornata normalmente autunnale. Qualche pioggia o temporale si prevede anche in Sardegna, mentre sul resto d’Italia il tempo sarà generalmente variabile, con maggiori schiarite sul versante adriatico e al Sud peninsulare.

All’inizio della prossima settimana le condizioni di instabilità si sposteranno verso le regioni centro-meridionali: già dalla notte su lunedì 10, in particolare, la probabilità di avere precipitazioni localmente intense aumenterà sul settore tirrenico, dalla Toscana alla Sicilia. Non trattandosi però di un cambiamento strutturato dello stato del tempo, in quanto legato al passaggio di condizioni di instabilità che si muoveranno in una sorta di lacuna barica, la previsione sulla localizzazione dei fenomeni è ancora soggetta a una incertezza non trascurabile.

Previsione meteo 10-11 ottobre 2022



Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa