Immagine Le alluvioni in Campania: breve ma significativa carrellata di eventi
Iniziamo questa analisi occupandoci del 29 ottobre 2015, quando una forte pertubazione Atlantica (vedi mappa sinottica in calce) causa un evento alluvionale... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Guida Pratica al Meteo per l'Escursionista - Marco Virgilio
Pensato per tutti gli appassionati delle montagne friulane che vogliono affrontare le loro uscite... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine ECMWF MSLP - 500hPa
Mappa di previsione del modello del centro europeo di Reading (ECMWF): pressione al suolo e... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Napoli (WRF)
Meteogramma previsto per Napoli. E' una carta che fornisce l'andamento nel tempo previsto per i... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Sassari
La provincia di Sassari è la più grande dell'Italia. A nord è delimitata dal golfo dell'Asinara,... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Salerno
Anche dalla mappa qui a fianco si può notare la vastità della provincia di Salerno, tanto da... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

L’AUTUNNO BUSSA ALLA PORTA: IN ARRIVO LA PRIMA TEMPESTA EQUINOZIALE

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 22 Settembre 2022 16:00

L’AUTUNNO BUSSA ALLA PORTA: IN ARRIVO LA PRIMA TEMPESTA EQUINOZIALE

Prima tempesta equinoziale autunno 2022Quando parliamo di «tempesta equinoziale» intendiamo una precisa fase della dinamica atmosferica che nei peggioramenti dello stato del tempo abbandona ormai definitivamente le caratteristiche estive per abbracciare quelle autunnali. Se infatti nella stagione calda sono soprattutto le correnti convettive a formare le idrometeore all’interno di una nuvolosità a prevalente sviluppo verticale che nasce dal contrasto tra aria più fresca in arrivo e aria più calda preesistente, nella stagione fredda le precipitazioni si organizzano attorno a una vera e propria perturbazione, cioè a un sistema nuvoloso più complesso che per nascere richiama masse d’aria di diversa natura: una calda proveniente dalle latitudini subtropicali e una fredda di origine polare o artica.

Alle nostre latitudini questa situazione si verifica quando sull’Europa centro-meridionale – e quindi anche in area mediterranea – la pressione atmosferica subisce un vistoso e diffuso calo a tutte le quote: è questo il segnale che lascia intendere ormai terminato il dominio incontrastato della fascia anticiclonica subtropicale e segna l’avvento del flusso perturbato atlantico che in questo modo non trova più ostacoli nella sua propagazione verso sud.

Tra sabato 24 e martedì 27 settembre sul palcoscenico del Mare Nostrum andrà in scena questo passaggio chiave per la nuova stagione che dal punto di vista astronomico debutterà venerdì 23: la formazione di un’ampia conca di bassa pressione, in approfondimento e in evoluzione meridiana fino alle coste nord-africane occidentali, che esporrà l’Italia a correnti perturbate (vedi figura).

Ecco che allora le precipitazioni, dall’essere per lo più localizzate come avviene in estate, diventano diffuse e più estese nel tempo, tanto da causare a fine evento cumulate anche abbondanti.



Se la dinamica atmosferica dovesse procedere sui binari tracciati dalla climatologia, a questa prima tempesta ne seguiranno altre entro ottobre. In generale, se ne contano circa tre e segnano, in modo inequivocabile, l’avvio dei contrasti termici che sono proprio tipici dell’autunno, cioè di una stagione che sappiamo essere di transizione tra l’estate e l’inverno.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa