Immagine GFS 6h Snow Italia
GFS 6h Snow, la neve prevista dal modello americano GFS. Si tratta dell'accumulo atteso nelle 6h (6 ore) precedenti l'orario di forecast indicato nella mappa... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine GFS 250hPa Wind Italia
GFS 250hPa Wind, il vento alle alte quote espresso in metri al secondo e relativa altezza... Leggi tutto...
Immagine ECMWF 850hPa - Temp
Mappa del modello del centro europeo di Reading ECMWF con geopotenziale e temperature a 850hPa.
Immagine Guida Pratica al Meteo per l'Escursionista - Marco Virgilio
Pensato per tutti gli appassionati delle montagne friulane che vogliono affrontare le loro uscite... Leggi tutto...
Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
 è un saggio che tratta temi di grande e pressante attualità, dedicato a tutti coloro che... Leggi tutto...
Immagine VERSO LA STABILITÀ AL CENTRO-NORD CON TEMPERATURE IN AUMENTO. INCERTEZZE AL SUD...
L’ondata di calore è ormai quasi alle spalle anche sulle regioni meridionali ed entro domani... Leggi tutto...
Immagine ECCO COME LA CATENA ALPINA FRENA UN’IRRUZIONE DI ARIA FREDDA
Nel trattare la linea di tendenza fino a metà mese abbiamo brevemente accennato al probabile... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

GRAN CALDO AGLI SGOCCIOLI: ENTRO VENERDÌ TEMPORALI ANCHE FORTI SUL VERSANTE ADRIATICO E AL SUD, DOVE SARÀ ANCHE PIÙ SENSIBILE IL CALO TERMICO

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 06 Luglio 2022 19:00

GRAN CALDO AGLI SGOCCIOLI: ENTRO VENERDÌ TEMPORALI ANCHE FORTI SUL VERSANTE ADRIATICO E AL SUD, DOVE SARÀ ANCHE PIÙ SENSIBILE IL CALO TERMICO

Circolazione e temperatura previste a 850hPa per l'8 Luglio 2022Il promontorio nord africano è ormai in procinto di ritirarsi sull’entroterra sahariano e di porre così fine alla lunga ondata di caldo che tra alti e bassi ci sta tenendo compagnia dalla terza decade di giugno. Come abbiamo detto nelle precedenti analisi, questo cambiamento di circolazione sta per essere messo in atto dall’Anticiclone delle Azzorre che, portando i suoi massimi di pressione al suolo e in quota a ovest delle Isole Britanniche, orienterà le correnti sul Mediterraneo centrale e sull’Italia dai quadranti settentrionali.

La situazione prevista a circa 1500 metri per venerdì 8 luglio (fig. 1, a sinistra), mostra proprio il flusso da nord in ingresso sulla nostra penisola in seno a una circolazione ciclonica che, scivolando lungo il versante adriatico già dal pomeriggio di domani (giovedì 7), farà transitare condizioni di marcata instabilità atmosferica e determinerà l’ingresso della nuova massa d’aria. L’apice del calo termico in quota si verificherà nella serata di venerdì, quando sulla verticale delle regioni centrali adriatiche e sull’Appennino meridionale dovrebbe serpeggiare l’isoterma di +11 °C (fig. 1, a destra) e portare così su questi settori valori di temperatura che, sempre a questa quota, si porteranno tra i 4 e i 6 °C al di sotto delle medie climatologiche del periodo.

Il contrasto tra l’aria molto calda e umida preesistente e quella più fresca in arrivo sarà, anche questa volta, il motore che farà innescare fenomeni di forte intensità. La fase più critica sotto questo punto di vista si colloca nella finestra temporale di 24-36 ore a partire dal pomeriggio di domani, quando il passaggio dell’impulso di aria fresca sarà in prevalenza associato alla formazione di temporali anche violenti e quindi capaci di produrre nubifragi, grandinate e violente raffiche di vento (downburst).

Se nella seconda parte di domani la fenomenologia si concentrerà soprattutto tra il Nord-Est e il versante adriatico centrale con il parziale coinvolgimento anche del settore interno tirrenico di Toscana e Lazio (fig. 2, a sinistra), entro il pomeriggio di venerdì il trasferimento del sistema instabile verso sud-est concentrerà i fenomeni più organizzati sulle regioni centrali adriatiche e al Sud peninsulare (fig. 3, a sinistra), dove gradualmente tenderanno ad attenuarsi entro la successiva notte per poi lasciare spazio ad ampie schiarite nella giornata di sabato 9.



Durante il passaggio di questo impulso più fresco, ad avvertire maggiormente il refrigerio saranno le regioni orientali e meridionali della nostra penisola, dove sarà più sensibile il calo termico: si veda, a tal proposito, il confronto tra le temperature massime previste per domani (giovedì 7) e dopodomani (venerdì 8). Variazioni più contenute, invece, sul Nord-Ovest e sul versante tirrenico tra Toscana e Lazio dove, per effetto della compressione adiabatica a cui andrà incontro il flusso settentrionale superando i rilievi, si potranno ancora raggiungere temperature intorno ai 30 °C, con picchi in genere fino a 33-34 °C: si tratterà, però, di caldo torrido (perché accompagnato da bassi valori di umidità relativa) e quindi più sopportabile.

Questa fase meteorologica di stampo azzorriano dovrebbe tenerci compagnia almeno fino a metà della prossima settimana: avremo così qualche giorno per vivere un po’ di estate mediterranea, senza dimenticare il problema della siccità.

Previsione meteo per il 7 Luglio 2022
Previsione meteo per l'8 Luglio 2022


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa