Immagine Previsioni meteo Umbria - Mappe grafiche dettagliate esaorarie
Le previsioni meteo per la regione Umbria. Il tempo atteso di notte, mattina, pomeriggio, sera

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Latina
La provincia di Latina si trova fra le foci del fiume Astura a nord e la foce del fiume... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Lazio, Abruzzo e Molise - Riassunto mattina, pomeriggio, sera, ...
Le previsioni del tempo su Lazio, Abruzzo e Molise per i prossimi giorni. Il meteo riassunto... Leggi tutto...
Immagine Glossario Meteo. Lettera Q - Da Quadrante
Quadrante Ognuna delle due metà in cui risultano divisi gli emisferi Nord e Sud della Terra da un... Leggi tutto...
Immagine INIZIO SETTIMANA ALL’INSEGNA DI UNA COMPLESSA FASE PERTURBATA, SPECIE AL CENTR...
Ora che la porta atlantica si è completamente spalancata, gli occhi sono sempre puntati a... Leggi tutto...
Immagine ARPEGE 850hPa-Temp (Wz)
Geopotenziale e temperatura 850hPa attesi dal modello francese ARPEGE.
Immagine WRF Temp 850hPa Diff (ita) - 5km NMM by GFS
In questa mappa del modello WRF-NMM-5km (GFS) sull'Italia, è rappresentata la differenza di... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

GIORNATE DI GRAN CALDO: LUNEDÌ 27 PROBABILI TEMPERATURE RECORD

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 25 Giugno 2022 08:00

GIORNATE DI GRAN CALDO: LUNEDÌ 27 PROBABILI TEMPERATURE RECORD

Temperature massime previste per il 26 e 27 Giugno 2022Nelle prossime quarantotto ore il caldo è intenzionato ad alzare l’asticella e a diventare ancora più diffuso e intenso. Se negli ultimi giorni sono state soprattutto le regioni meridionali e le due Isole Maggiori a sperimentare le temperature più elevate, a partire da domani (domenica 26) un nuovo flusso di matrice sahariana è destinato a interessare quasi tutta la nostra penisola. Una nuova espansione del promontorio nord africano, sollecitato come sempre a guadagnare terreno lungo i meridiani dal solito calo della pressione al ovest del nostro continente, trasporterà verso la maggior parte delle nostre regioni una massa d’aria che possiamo definire «rovente» perché, presentandosi sulla superficie isobarica di 850 hPa (1500 metri) con temperature per lo più comprese tra 24 e 27 °C al Centro-Sud e sull’Emilia Romagna, raggiungerà un’intensità davvero inusuale per le nostre latitudini: a tal proposito, infatti, si prevedono scarti positivi dalla climatologia di fine giugno superiori a 8 °C su almeno il 60% del territorio nazionale nella giornata di lunedì 27, quando l’avvezione raggiungerà la massima espansione verso nord (fig. 1, a sinistra).

Gli effetti al suolo di questa situazione marcatamente anomala si manifesteranno, inevitabilmente, con un rialzo anche sensibile delle temperature che, stando alla previsione sugli eventi estremi proprio per quanto riguarda questo campo, nella giornata di lunedì potrebbero far registrare nuovi record di caldo su una buona parte della nostra penisola (fig. 1, a destra): un indice EFI (Extreme Forecast Index) superiore o uguale al valore di 0.8 (su una scala che arriva fino all’unità) su Emilia Romagna e sulla maggior parte delle nostre regioni centro-meridionali, Isole comprese, lascia intendere che il campo termico si porterà su valori sensibilmente oltre le medie stagionali, fino a raggiungere anche dei nuovi primati.

Quali saranno allora, le temperature massime che saranno probabilmente raggiunte?



Un primo aumento termico nella giornata di domani (domenica 26) porterà i termometri in prevalenza tra i 32 e i 38 °C al Centro-Sud e in Sicilia, mentre al Nord si andrà in genere tra i 28 e i 34 °C, con qualche grado in più in Emilia Romagna. Solo la Sardegna, direttamente investita dal flusso sahariano in risalita, osserverà temperature massime ancora più elevate e in genere comprese tra 36 e 41 °C, con qualche picco puntualmente superiore.

Lunedì 27, invece, un ulteriore aumento del caldo farà probabilmente registrare valori tra 30 e 35 °C al Nord, ad eccezione dell’Emilia Romagna che insieme al resto della nostra penisola sperimenterà valori diffusamente superiori ai 35 °C e con picchi che si porteranno a cavallo dei 40 °C sulla maggior parte delle aree interne peninsulari e insulari.

Martedì 28, a seguito di un parziale cedimento del campo anticiclonico al Nord e marginalmente anche al Centro ad opera di infiltrazioni di aria meno calda da ovest che viaggeranno in seno a una curvatura debolmente ciclonica in quota, ci aspettiamo un’attenuazione della calura al Nord, su Toscana, Umbria, Marche e Sardegna.

Anomalia temperatura ed EFI 27 Giugno


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa