Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni meteorologiche sullo sbarco degli alleati in Normandia? Come si svolse... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Ancora non si può parlare di vero autunno
Questa carta del tempo prevista per il 16 settembre alle ore 14 locali è utile per capire perché... Leggi tutto...
Immagine Virus mortali: tra le cause la rapida urbanizzazione e deforestazione dell'Asia
Il rapido ritmo di deforestazione, urbanizzazione e costruzione di strade sono i principali fattori... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Bari
La provincia di Bari è stata una provincia italiana della Puglia. Parliamo al passato in quanto in... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Rimini
Il territorio della provincia di Rimini, è parzialmente delimitato a nord dal torrente Uso,... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Segnali di un cambio di circolazione dal 17 Agosto

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 12 Agosto 2021 00:00

Segnali di un cambio di circolazione dal 17 Agosto

Proiezione per il 17 Agosto 2021Dalle elaborazioni dei modelli numerici arrivano i primi segnali incoraggianti circa un cambio di circolazione che molto probabilmente chiuderà l’intensa ondata di caldo di questi giorni, destinata a durare fino al 16 agosto. Tra il 17 e il 19 l’arrivo provvidenziale dell’Anticiclone delle Azzorre sull’Europa occidentale porrà fine all’egemonia del promontorio subtropicale. Il flusso di aria molto calda di matrice continentale sarà infatti sostituito da correnti più fresche di origine atlantica che l’alta pressione indirizzerà anche verso le nostre regioni. In pratica l’anticiclone azzorriano si comporterà come uno spillo che bucherà la cupola di calore, sgonfiando di fatto il geopotenziale che su tutti i piani isobarici si porterà ad altezze decisamente inferiori rispetto a quelle avute in questi giorni. Dal punto di vista termico, l’obiettivo dell’atmosfera pare che sia un ritorno a temperature in linea con le medie del periodo, grado più o grado meno. È ancora presto per conoscere ulteriori dettagli perché non è ancora possibile sapere per esempio, con una attendibilità sufficientemente elevata, se questa dinamica sarà accompagnata dall’azione più o meno incisiva di una saccatura collegata a una circolazione ciclonica che dovrebbe posizionarsi sulla penisola scandinava. È comunque un primo passo sapere che si vede una luce in fondo al tunnel… nord africano.



Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera


Stampa