Immagine Webcam - Foligno (Perugia)
Webcam presso la località di Foligno, provincia di Perugia (PG), regione Umbria

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Webcam - Marineo (Palermo)
Webcam a Marineo, in provincia di Palermo (PA), regione Sicilia.
Immagine Webcam - Rimini (Rimini)
Webcam Rimini: panoramica di spiaggia e mare visti dallo stabilimento Bagno 39 di Rimini (RN),... Leggi tutto...
Immagine La Niña e alcuni casi di siccità nel Mediterraneo: una possibile teleconnessio...
È ormai abbastanza diffusa la conoscenza di un fenomeno meteo-oceanografico, che si verifica... Leggi tutto...
Immagine Il clima di Milano e Bologna: l'analisi del 2012
L’inverno 2012 è iniziato nel peggiore dei modi, con l’ingombrante presenza dell’anticiclone... Leggi tutto...
Immagine ECMWF 850hPa - Temp - Anomaly
Temperatura a 850hPa prevista dal centro europeo di Reading ECMWF confrontata con la climatologia.
Immagine CFS MSLP Anomaly
Per ogni mese, l'anomalia rispetto alla media climatologica: differenza di pressione in hPa

DIDATTICA METEO: LA DIFFERENZA TRA IL VERBO “FONDERE” E IL VERBO “SCIOGLIERE

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 06 Dicembre 2020 17:00

DIDATTICA METEO: LA DIFFERENZA TRA IL VERBO “FONDERE” E IL VERBO “SCIOGLIERE

Passaggio di stato da solido a liquidoOggi parliamo dell’uso di un verbo che di solito non viene quasi mai utilizzato perché al suo posto, in modo inappropriato, se ne usa un altro. Quante volte abbiamo letto che la neve si scioglie e non che la neve fonde? Quante volte abbiamo sentito parlare dello scioglimento dei ghiacci e non della fusione dei ghiacci? Se può apparire una pignoleria puntualizzare sull’uso scientificamente corretto del verbo “FONDERE” e del verbo “SCIOGLIERE” in un qualunque contesto, bisogna sapere che in realtà il loro significato è profondamente diverso per ragioni chimico-fisiche. Per spiegare il verbo “FONDERE” partiamo dalla presentazione degli stati in cui si trova la materia: STATO SOLIDO, STATO LIQUIDO e STATO GASSOSO. L’acqua, in questi tre stati, si presenta rispettivamente sotto forma di ghiaccio quando per esempio la estraiamo in cubetti dal congelatore, sotto forma di liquido quando la versiamo in un bicchiere e sotto forma di vapore quando la vediamo uscire dalla pentola e ci avvisa che possiamo buttare la pasta. Se ci soffermiamo nei primi due stati prendendo proprio l’acqua come materia di nostro interesse, la figura in alto ci mostra come il passaggio dallo stato solido a quello liquido possa avvenire tramite la somministrazione di calore che, come ci insegna la fisica, è una forma di energia. Se il nostro cubetto estratto dal congelatore si trova per esempio a una temperatura di -20 °C, il calore inizialmente somministrato è necessario per fare aumentare la temperatura del cubetto fino a 0 °C: questo calore si chiama CALORE SENSIBILE perché determina un aumento della temperatura del nostro cubetto di ghiaccio. Quando questo valore termico viene raggiunto, un ulteriore apporto di energia fa iniziare il processo di FUSIONE, cioè avvia il passaggio di stato in cui la temperatura non aumenta più e rimane costante, sempre fissa a 0 °C, fino a quando tutto il ghiaccio non diventa acqua in forma liquida: questo calore si chiama CALORE LATENTE DI FUSIONE proprio perché non influisce minimamente sulla temperatura del corpo, ma agisce trasformando il suo stato che in questo caso passa da SOLIDO a LIQUIDO. In una forma o nell’altra, stiamo parlando solo di acqua che prima era sotto forma di ghiaccio e che adesso si trova in forma liquida. Possiamo allora estendere questo comportamento per esempio al fiocco di neve che diventa goccia di pioggia perché anche in questo caso ci troviamo di fronte a un processo di fusione che comporta un cambiamento di stato. Che sia neve, grandine o la lastra di ghiaccio di una pozzanghera, dobbiamo quindi parlare di FUSIONE quando quell’acqua in forma solida diventa acqua in forma liquida.


Il verbo “SCIOGLIERE” fa invece riferimento a un altro processo chimico-fisico in cui sono necessarie per esempio due sostanze che si uniscono tra di loro e una di esse, detta SOLUTO, scompare nell’altra detta SOLVENTE. La figura in basso ci aiuta a capire meglio di che cosa stiamo parlando. Se versiamo in un recipiente dell’acqua e del sale, il sale è il SOLUTO e l’acqua è il SOLVENTE. “Soluto” e “solvente” derivano entrambi dal verbo latino “solvere”, che vuol dire proprio SCIOGLIERE: non è un caso che il primo ne è il participio passato e il secondo il participio presente. SOLUTO, infatti, significa CHE SI È SCIOLTO mentre SOLVENTE significa CHE È CAPACE DI SCIOGLIERE. Dal sale che si scioglie in acqua otteniamo l’acqua salata, cioè una soluzione di acqua e sale che non equivale affatto a un passaggio di stato come il ghiaccio che diventa acqua. Riepilogando, dalla FUSIONE si ottiene come risultato il passaggio di stato di un'unica sostanza che si trova inizialmente nello stato solido e che diventa liquido, proprio come la neve e il ghiaccio. Dallo SCIOGLIMENTO si ottiene una soluzione partendo da un soluto (sale/zucchero) e da un solvente (acqua/caffè).Termino qui questo intervento, scritto con l’intenzione di puntualizzare sull’uso dei due verbi perché credo che sia giusto usarli correttamente nell’informazione dal momento che, come abbiamo potuto vedere, descrivono due processi completamente diversi.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa