Immagine Radiosondaggi di Trieste (WRF)
Radiosondaggi previsti sulla città di Trieste con il modello wrf

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine Guida Pratica al Meteo per l'Escursionista - Marco Virgilio
Pensato per tutti gli appassionati delle montagne friulane che vogliono affrontare le loro uscite... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 24hPrec (ita - backup)
Mappa di backup del modello WRF NMM con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo precipitativo... Leggi tutto...
Immagine GEM MSLP-500hPa (Wz)
Pressione al suolo e geopotenziale 500hPa previsto dal modello canadese GEM.
Immagine LE PRIME PIOGGE? PER ORA APPESE ALLA SPINTA DI UNA CIRCOLAZIONE SECONDARIA IN OC...
Fino a domani, martedì 15 settembre, il campo anticiclonico con radice subtropicale continentale... Leggi tutto...
Immagine Il mistero della fonte di calore sotto l'Antartide orientale
Secondo un nuovo studio, nascosto sotto l'Antartide orientale esisterebbe qualcosa di caldo e... Leggi tutto...

L’ESTATE MEDITERRANEA ANDRÀ ANCORA AVANTI A GONFIE VELE

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 10 Luglio 2020 00:00

È TORNATO L’ANTICICLONE DELLE AZZORRE: PER QUALE MOTIVO?

Seconda settimana Luglio 2020Anche nei prossimi giorni la fisarmonica delle Azzorre continuerà a suonare la melodia dell’estate mediterranea.

Il campo anticiclonico di origine oceanica, proprio come lo strumento musicale, continuerà infatti a espandere e a contrarre il proprio lato orientale lungo i paralleli europei, esponendo così anche il Mediterraneo ad un’alternanza tra periodi stabili con caldo senza eccessi a veloci passaggi instabili. Un altro breve transito temporalesco, seguito da un rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali e un calo generalizzato delle temperature, è previsto tra domani e domenica in concomitanza di una nuova espansione del campo di alta pressione che andrà ad accompagnare la discesa di una massa d’aria più fresca verso l’Europa centro-orientale, fino a guidarla sulla penisola balcanica e da qui richiamarla in parte anche verso l’Italia con venti di bora.

Ancora una volta saranno soprattutto le regioni di Nord-Est ad andare incontro alla probabile formazione di fenomeni localmente di forte intensità nel momento in cui la massa d’aria più calda preesistente verrà scalciata prepotentemente da quella più fresca che sopraggiungerà in quota dai quadranti nord-occidentali: nel fine settimana bisognerà quindi ancora mettere in conto la probabilità medio-alta di avere locali grandinate, piogge puntualmente a carattere di nubifragio e colpi di vento soprattutto sul Triveneto.

Sul resto del Nord i fenomeni si prevedono più irregolari e meno probabili, mentre al Centro-Sud le probabilità si isoleranno sulle aree interne dei settori appenninici dove non si escludono isolati rovesci accompagnati anche da qualche colpo di tuono, specie nella giornata di domenica e limitatamente alle ore centrali del giorno.


Il generale rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali accompagnerà l’ingresso della massa d’aria che, oltre a essere più fresca, sarà anche più secca. Il ripristino delle condizioni stabili e soleggiate ovunque caratterizzeranno poi il tempo prima parte della settimana perché la posizione che andrà ad assumere l’Anticiclone delle Azzorre sull’Europa lascerà la nostra penisola ancora esposta a correnti orientali più attenuate ma che avranno soprattutto il merito di mantenere le temperature su valori oscillanti grosso modo intorno alle medie climatologiche del periodo.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa