Immagine METEOSAT | La Terra vista dallo Spazio
LaTerra vista dallo Spazio, da circa 36000 km di distanza. E' qui che si trova il satellite Meteosat in orbita geostazionaria. Non privo di fascino è vedere... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF Temp 2m (ita)
Modello WRF-NMM con la tipica carta, in questo caso riferita all'Italia, della temperatura a 2m... Leggi tutto...
Immagine WRF Theta (ita) - ARW
Mappa sull'Italia del modello non idrostatico ad alta risoluzione WRF ARW con i venti a 850hPa e il... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Grosseto
La provincia di Grosseto ha un territorio che si diversifica molto da zona a zona. Un... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Genova
Una terra meravigliosa la Liguria. E secondo la classificazione di Köppen, Genova, nella sua... Leggi tutto...
Immagine Giappone: registrate temperature record per Maggio
Le temperature di ieri, Domenica 26 Maggio 2019, di gran lunga oltre i 38°C, hanno battuto molti... Leggi tutto...
Immagine Proverbi e detti popolari del mese di Aprile
Wikipedia docet: << Aprile è il quarto mese dell'anno in base al calendario gregoriano, ed... Leggi tutto...

VERSO UN’ESTATE DALLE CONDIZIONI NEL COMPLESSO PIÙ STABILI

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 24 Giugno 2020 00:00

VERSO UN’ESTATE DALLE CONDIZIONI NEL COMPLESSO PIÙ STABILI

Mappa 30 Giugno 2020Tra il 25 e il 26 Giugno le nostre regioni settentrionali saranno lambite da una goccia fredda vagante sull’Europa centrale che incrementerà temporaneamente le condizioni di instabilità specie al Nord-Est, dove risulterà più elevata la probabilità di avere rovesci e temporali, localmente intensi.

Guardando oltre, l’analisi probabilistica della circolazione alle quote superiori mette in risalto una modifica non trascurabile del comportamento del tempo alle nostre latitudini perché sul bacino del Mediterraneo inizierà a espandersi con maggior decisione la fascia anticiclonica subtropicale, con la componente subtropicale marittima e continentale rispettivamente di casa sul vicino Oceano Atlantico e sull’entroterra nord africano.

Prendendo ad esempio l’evoluzione del campo di altezza di geopotenziale a 500 hPa si può infatti notare come l’isoipsa di 5760 metri, evidenziata con la linea rossa tratteggiata, si porti a nord dell’arco alpino e separi il flusso perturbato atlantico dalle condizioni atmosferiche decisamente più stabili che prenderebbero piede invece a sud della suddetta linea e quindi anche sull’Italia.


Almeno fino alla fine del mese la disposizione scarsamente ondulata del flusso non deporrebbe per avvezioni di aria calda organizzate e durature provenienti dal deserto sahariano. Sappiamo però che, in simili situazioni caratterizzate da un fisiologico rigonfiamento stagionale della fascia anticiclonica, è sufficiente appena una lacuna barica collocata a ovest dell’Europa per mettere in moto masse d’aria di matrice subtropicale continentale verso la nostra penisola.

Allo stesso modo, basterebbe uno sbilanciamento a ovest dei massimi di altezza di geopotenziale per far scivolare sul Mediterraneo aria un po’ più fresca di origine atlantica. Seguiremo questa evoluzione passo dopo passo, nel corso delle prossime settimane, per vedere quali potrebbero essere le vicissitudini delle due componenti anticicloniche nel condizionare il tempo che verrà.(Colgo l'occasione per ringraziarvi per l'apprezzamento del primo video meteo. Per il momento ne pubblicherò uno a settimana: sto ancora aggiustando qualche particolare e realizzando nuove videate).

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa