Immagine Nubi a sviluppo verticale: cumuli e cumulonembi
La struttura delle nubi è tipica nella parte superiore, che è liscia o appiattita, striata o fibrosa e spesso assume la forma d’incudine.Nella parte... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Campobasso
Il territorio della provincia di Campobasso, una delle due province della regione Molise, è molto... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Caserta
Nella provincia di Caserta si trova la zona pianeggiante più estesa della regione e il clima ne è... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in Italia
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 7 - I MODELLI FISICO-MATEMATICI E LA PREVISIONE DEL TEMPO
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Ragusa (WRF)
Su Ragusa, i radiosondaggi previsti dal modello fisico-matematico WRF-NMM
Immagine ECMWF 500hPa - Std - ENS (Wz)
Deviazione standard del Geopotenziale a 500hPa dal modello ECMWF da Wetterzentrale.

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Domenica 24 Novembre 2019: ORA IL MALTEMPO SI SPOSTA ANCHE AL CENTRO-SUD

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 23 Novembre 2019 17:00

Domenica 24 Novembre 2019: ORA IL MALTEMPO SI SPOSTA ANCHE AL CENTRO-SUD

Il maltempo si sposta verso il Centro-SudPiove incessantemente al Nord-Ovest e continuerà a farlo ancora in parte fino a domani, domenica 24 novembre, quando la configurazione barica sull’area italica inizierà a spostare la distribuzione delle precipitazioni a causa della sua graduale evoluzione verso levante. Il minimo che sta infatti accompagnando l’intensa perturbazione atlantica giunta ieri sera con la propria parte più avanzata è previsto, nel corso delle prossime 24 ore, scivolare verso il settore ionico insieme all’intenso nastro trasportatore caldo ben impostato dal forte richiamo sciroccale che, oltre a trasportare quella vorticità ciclonica in grado di avvitare l’aria su sé stessa nei suoi moti verticali verso l’alto, trasporta anche il carburante “umidità” necessario per formare nubi e precipitazioni.

Con il graduale spostamento del sistema ciclonico, il canale perturbato andrà a interessare anche le regioni centro-meridionali già da questa sera ad iniziare dai settori occidentali, Lazio e Sicilia in primis.

Tra la prossima notte e la mattina di domani il richiamo meridionale interesserà soprattutto i settori tirrenico meridionale e ionico (Campania, Sicilia orientale, Calabria) ed entro la serata di domani, evolvendo ulteriormente verso levante insieme alla depressione, il flusso caldo-umido concentrerà i fenomeni più intensi su Basilicata, Puglia e sul settore adriatico centrale.

Proprio durante il passaggio dell’area perturbata sono attese precipitazioni che localmente potrebbero essere anche di forte intensità, tant’è che risulta medio-alta la probabilità di avere temporali intensi accompagnati da piogge che puntualmente potrebbero assumere carattere di nubifragio.


Nella giornata di domani le precipitazioni insisteranno ancora sul Piemonte perché, pur andando gradualmente attenuandosi, sarà comunque sempre attivo il sollevamento orografico del flusso in arrivo dai quadranti via via più orientali ad opera dei rilievi alpini e prealpini occidentali dove sono ancora attese cumulate complessivamente significative. Inizialmente, le precipitazioni organizzate e a tratti ancora intense interesseranno anche il Ponente Ligure, ma nel corso del giorno e in particolare dal pomeriggio la situazione andrà gradualmente migliorando perché la rotazione del flusso dai quadranti settentrionali farà entrare il settore costiero e dell’immediato entroterra della regione nel regime del sottovento che, contrariamente a quanto accade nella dinamica del sollevamento orografico, in questo caso inibisce le precipitazioni facendole cessare.

A partire dalla notte su lunedì, la tendenza ad un generalizzato miglioramento delle condizioni atmosferiche a partire dalle regioni centro-settentrionali scriverà la parola “fine” a questa intensa fase di maltempo e aprirà un periodo più variabile, in cui ci sarà spazio anche per pause soleggiate e asciutte. Ma questa è un’altra storia che riprenderemo a scrivere e a narrare la prossima settimana.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa