Immagine GEM MSLP-500hPa (Wz)
Pressione al suolo e geopotenziale 500hPa previsto dal modello canadese GEM.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Webcam - La Maddalena (Olbia Tempio)
Webcam con vista da La Maddalena Veduta della spiaggia dello Strangolato, Abbatoggia, provincia di... Leggi tutto...
Immagine Il Calendario Giuliano e l'idiozia dell'anno bistesto anno funesto
"Non è vero... ma ci credo". Non è solo una commedia in tre atti del 1942, scritta dal grande... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Valle d'Aosta - Mappe grafiche dettagliate esaorarie
Le previsioni meteo per la regione Valle d'Aosta. Il tempo atteso di notte, mattina, pomeriggio,... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Venezia
La provincia di Venezia si estende lungo la fascia costiera dell’Alto Adriatico, dalla foce... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

PROSSIME ORE ALL'INSEGNA DEL MALTEMPO

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 16 Novembre 2019 17:00

PROSSIME ORE ALL'INSEGNA DEL MALTEMPO

Le previsioni meteo per Domenica 17 Novembre 2019La perturbazione associata alla risalita del minimo nord-africano sta facendo aumentare velocemente la nuvolosità sulle nostre regioni centro-settentrionali e sulla Sardegna.

Si segnalano precipitazioni già in atto sull’isola e sul versante tirrenico, in fase di intensificazione e di espansione verso nord-est nel corso delle prossime ore. La fase meteorologica più critica associata al passaggio del sistema frontale è grosso modo compresa tra la prossima notte e la mattinata di domani, quando l’estensione dei fenomeni più significativi sarà la più ampia e riguarderà, come si può osservare nella figura a sinistra, la maggior parte delle nostre regioni evidenziate in rosso: su queste aree si prevedono precipitazioni diffuse di moderata intensità e probabilità medio-alta di temporali che localmente potrebbero essere associati a piogge forti.

In particolare, un occhio di riguardo va riservato al settore alpino e prealpino orientale, dove l’azione di sbarramento a cui andranno incontro le correnti sciroccali in arrivo incrementerà l’intensità delle precipitazioni stesse che potrebbero risultare anche molto forti e a carattere nevoso a quote che rapidamente raggiungeranno i 1800-2000 metri, seppur per un lasso di tempo relativamente breve compreso tra la mattina e il tardo pomeriggio di domani. Ventilazione sostenuta, a rotazione ciclonica, su tutti i nostri bacini, con intensità di burrasca sul settore adriatico e condizioni favorevoli all’acqua alta sulla laguna veneta.


Nel corso del pomeriggio di domani, invece, lo spostamento della perturbazione verso la penisola balcanica determinerà un’attenuazione delle condizioni spiccatamente perturbate. I fenomeni più intensi si sposteranno verso le estreme regioni meridionali e potrebbero ancora interessare marginalmente il Friuli Venezia Giulia, dove comunque entro la serata la situazione dovrebbe tendere a un parziale miglioramento.

Sul resto dell’Italia la rotazione della ventilazione dai quadranti occidentali, in un contesto di circolazione sempre ciclonica, sarà associata a condizioni spiccatamente instabili, con schiarite effimere alternate e rovesci anche a carattere temporalesco.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete seguirmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa