Immagine Spaghetti Ensemble di Palermo
Il caso della città di Palermo con l'Ensemble spaghetti del modello GFS. Geopotenziale a 500hPa e temperatura a 850hPa. L'andamento previsto dalle 20 diverse... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine WRF MSLP 3hSnow (ita - backup)
Backup della mappa sull'Italia. Modello WRF con altezza dello zero termico e l'accumulo di neve (in... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 3hSnow (ita) - ARW
Mappa sull'Italia del modello WRF-ARW con altezza dello zero termico e l'accumulo di neve (in cm)... Leggi tutto...
Immagine Le immagini dai satelliti meteorologici Eumetsat | Meteosat e Metop
Sono 26 i Paesi europei facenti parte dell'organizzazione intergovernativa (European Organisation... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Roccaraso (L'Aquila)
Webcam a Roccaraso, in provincia di L'Aquila (AQ). Regione Abruzzo. Panoramiche su città e... Leggi tutto...
Immagine Estate di San Martino: tra scienza e leggenda
San Martino, patrono di Belluno e diversi altri comuni, si celebra l'11 Novembre, data non... Leggi tutto...
Immagine Il clima della regione Veneto
Il Veneto ha un clima piuttosto variegato: si va dal freddo delle Dolomiti fino a quello... Leggi tutto...

Nubi a sviluppo verticale: cumuli e cumulonembi

Innocui cumuli solcano il cieloE’ una categoria di nubi del tutto particolare, perché generazione ed evoluzione sono legate prevalentemente ai processi convettivi, cioè a notevoli movimenti ascendenti e discendenti dell’aria secondo una componente verticale.

Infatti, a differenza delle nubi stratificate, queste nuvole si formano grazie alla rapida ascesa di aria calda, che viene portata fino e sei, otto e persino oltre 10 km di altezza.

Si parla allora di cumulonembi. Nei temporali più violenti si può arrivare anche a oltre 12000 metri, fino a “sfondare” la Tropopausa penetrando nella Stratosfera.

La struttura delle nubi è tipica nella parte superiore, che è liscia o appiattita, striata o fibrosa e spesso assume la forma d’incudine.

Nella parte inferiore i cumuli sono grigi, spesso tendenti al grigio intenso; la loro base è relativamente piatta, si presenta scura, frastagliata e piovosa e segna il livello di condensazione.

Con “torri” e cupole, a forma di giganteschi cavolfiori, queste nubi brillano spesso alla luce solare d’un bianco splendente. Sono quindi le più maestose tra tutte le nubi, con uno sviluppo verticale enorme simile a una grande torre o montagna.

I cumuli generalmente si formano nel tardo mattino (specialmente nel semestre caldo) e se ci sono condizioni instabili (tipicamente aria fredda in quota e/o fronte freddo in arrivo), si possono trasformare in cumulonembi, che segnalano l’arrivo dei temporali.

Nella parte superiore sono formati da cristalli di ghiaccio, in basso invece da minute goccioline d’acqua.

I cumulonembi sono le tipiche nuvole temporalesche e sono le sole che producono scariche elettriche.

Da esse cade sempre pioggia e, quando il colore è giallo-verde, ci saranno sicuramente delle grandinate.


Cumuli [Cumulus, Cu]

Innocui cumuli solcano il cielo

Sono nuvole isolate, a forma di cupole o di torri con la parte inferiore simile a quella del cavolfiore. Si sviluppano a causa di correnti convettive ascendenti generate dal riscaldamento del suolo e sono ad evoluzione diurna: si formano durante la mattinata e si dissolvono in serata. Hanno base orizzontale e uno sviluppo verticale più o meno grande. A seconda del tipo di sviluppo verticale possiamo distinguere tre specie di cumuli: i Cumulo humilis, Cumulo mediocris e i Cumulo congestus.

Cumuli Umili [Cumulo humilis]

Batuffoli di cumuli in giro

Sono a debole sviluppo verticale, di aspetto appiattito e di piccolo spessore. Si formano in condizioni di bel tempo e per questo è chiamato “cumulo di bel tempo” e in genere compaiono sulle cime delle colline e sulle isole, raramente sul mare e sulle zone pianeggianti.

Cumuli Mediocri [Cumulo mediocris]

Cumuli che si fanno un po' minacciosi, ma ancora acerbi: i mediocris

Hanno uno sviluppo verticale moderato e protuberanze poco sviluppate. Non danno luogo a precipitazioni.

Cumuli Congesti [Cumulo congestus]

Cumuli che cominciano a fare sul serio: i congestus

Presentano un forte sviluppo verticale, infatti tra i cumuli è quella più grande. La loro sommità è formata da protuberanze sviluppate a forma di cavolfiore. In genere sono innocui, ma possono diventare minacciosi se cominciano a trasformarsi in cumulonembi. Queste nubi possono produrre pioggia sottoforma di rovesci, violenti e di breve durata, d’inverno possono dar luogo a precipitazioni nevose.

Cumulonembi [Cumulonimbus, Cn]

L'incudine caratteristica del re delle nuvole: il cumulonembo


Nubi mammellonari [Mammatus]

Tipici mammatus (sebbene non frequenti) di un cumulonembo



 
Stampa