Immagine Il Mar Mediterraneo con meno pesci e più meduse
Gestione sostenibile del Mar Mediterraneo, nel frattempo con meno pesci e più meduse. A cura di Fabio Porro.
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? E' la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera infanzia.... Leggi tutto...
Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli. Un saggio dedicato a tutti coloro che desiderano... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Imperia
Gli spaghetti Ensemble del modello americano GFS località per località. L'andamento del... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Grosseto (GFS)
Parametri attesi per Grosseto in un classico Meteogramma. Vengono graficati i dati del modello... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Canzano (Teramo)
Webcam di Canzano, provincia di Teramo (TE), Abruzzo. Con il Gran Sasso. Solo le migliori immagini,... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Nesce - Pescorocchiano (Rieti)
Webcam a Nesce, frazione Pescorocchiano, provincia di Rieti, Lazio. Le migliori immagini... Leggi tutto...
Banner Radiorete

Giugno 2012: Milano e Bologna a confronto

Il consueto confronto tra le città di Bologna e Milano nel primo mese estivo.


È stato un giugno caldo per Milano, torrido per Bologna: la prima ha chiuso a 23,07°C mensili (+1,27°C), mentre la seconda a ben 25,05°C (+3,65°C!). La città meneghina ha avuto una prima quindicina mensile piuttosto fresca e decisamente piovosa, che ha contribuito a contenere l’anomalia termica; la città felsinea, invece, ha subito nella prima metà del mese caldo moderato e qualche sporadico acquazzone e nella seconda due feroci ondate di caldo.

A ogni modo, la seconda quindicina è stata davvero calda per tutta Italia e Bologna, notoriamente città fornace in estate, ha subito una terza decade degna del suddetto attributo: 26°C di media integrale e media delle massime a 31,5°C (su 10 giorni...).
Quest’ultima mi ha permesso di giudicare la vincitrice mensile dei “cieli più belli”: è ovviamente Milano, la quale, nei primi dodici giorni del mese, mi ha fatto assistere a spettacoli davvero entusiasmanti (tutte le foto presenti in questo articolo sono state scattate nel capoluogo lombardo). Il trend di emozioni temporalesche -cominciato dai primissimi di aprile- è durato fino a metà giugno, dopodiché è iniziato il piattume estivo, fatto di cielo sereno, afoso e eliofania totale.

Parlando di eliofania, mese soleggiato per entrambe, in particolare Milano ha privilegiato di circa 9 ore di sole quotidiane medie (con 6 giorni di eliofania totale) , mentre Bologna di oltre dieci (con 8 giorni “senza una nuvola”): la differenza tra le due sta -come già detto più volte- nella divergenza di clima della prima decade.

Dal punto di vista precipitativo, Milano demolisce Bologna: avendo avuto una prima dozzina piovosissima con continui affondi perturbati, ha ricevuto 138,6 mm (tutti contenuti in dieci giorni), mentre Bologna è stata in una linea di border-line tra afflussi perturbati del Nord-Ovest e anticiclone in forma smagliante del centro-sud, infatti ha ricevuto solo 13,5 mm (“salvata” da un locale temporale nato nel Reggiano il giorno 13 che si è scaricato solo localmente sulla città -anche con grandine-, infatti Bologna Est ha segnato appena 4,2 mm mensili!!).
 

Cielo variopinto nella prima mattina del 4 giugno

Una maestosa shell cloud anticipa il nubifragio

Cielo estremamente variopinto nella prima mattina (verso le 7) del 4 giugno: notare il gran numero di fractocumuli (la notte è stata decisamente perturbata), altostrati, nembostrati, chiazze di azzurro e in lontananza cumulonembi.

Maestosa shelf anticipa il nubifragio tardo-pomeridiano dell’11.




Festival temporalesco del 12 Giugno!

Il classico cielo molto limpido post-frontale

Festival temporalesco del 12 Giugno!

Cielo limpidissimo post-frontale del 13 in una splendida e tersa giornata estiva.


Davide Santini