Immagine Radiosondaggi di Belluno (WRF)
Radiosondaggi previsti per la città di Belluno. Modello WRF-NMM ad alta risoluzione

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF MSLP 6hPrec (centro-nord) - ARW by GFS
Classica mappa del modello WRF-ARW (su GFS) con accumulo delle precipitazioni (in 6 ore) al... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 12hPrec (centro-sud)
Mappa Centro-Sud Italia del modello WRF NMM con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
 è un saggio che tratta temi di grande e pressante attualità, dedicato a tutti coloro che... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Roma
La provincia di Roma (oggi Città metropolitana di Roma) copre quasi un 1/3 del territorio del... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Macerata
La provincia di Macerata è la più estesa delle Marche ed è bagnata a est dal mare Adriatico e... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Terza decade Gennaio 2017: Instabile al Sud, sempre secco al Nord

Sabato 21 Gennaio 2017 00:00

Terza decade Gennaio 2017: Instabile al Sud, sempre secco al Nord

La stagione invernale sta gestendo il meteo sulla nostra Penisola con anomalie precipitative molto elevate. Leregioni del versante Adriatico e quelle centrali, sono state alle prese con precipitazioni nevose da record. Tra Abruzzo e Molise si registrano i maggiori disagi, con interi Paesi isolati e senza elettricità da giorni. Esercito, Forze dell'Ordine e Protezione Civile si stanno prodigando per sgombrare strade da accumuli di neve, portando vivere di ogni genere. Disagi anche tra i terremotati, a causa del gelo intenso. Il terremoto causato una slavina in Abruzzo, abbattendo un Hotel e causando vittime. Tanta neve su alcune regioni e pochissima altrove. Al Nord le ultime precipitazioni generose risalgono a fine Novembre 2016. Solo alcuni episodi nevosi hanno ridato un po' di smalto alla stagione invernale al Nord. Nelle scorse settimane mentre il freddo congelava buona parte della Penisola, al Centro Sud si concentravano le maggiori precipitazioni.

A partire da Domenica 22 Gennaio la depressione in formazione sulle Coste algero-tunisine, apporterà un intenso peggioramento al Centro Sud e Isole Maggiori. Fuori dai giochi precipitativi buona parte del Nord. Solo il Nord ovest sarà interessato da alcune deboli precipitazioni nevose a quote basse, specie sul basso Piemonte. Un po' di neve su Appennino Ligure ed Emilia Romagna, a quote collinari (700-1000 metri).Piogge sparse sul resto della Penisola, con la neve che cadrà oltre i 800 metri quota. Venti provenienti dai quadranti meridionali, molto sostenuti tra Sardegna, Sicilia e versante Tirrenico. Maltempo che andrà ancora a colpire le stesse zone innevate, e con l'arrivo della pioggia potrebbe creare altre nuove problematiche (tipo alluvioni lampo). Tempo instabile almeno fino a Martedì 24 Gennaio, con le ultime precipitazioni che si attarderanno al Centro Sud, Emilia Romagna e Liguria.

Da Giovedì 25 Gennaio il tempo inizierà a migliorare sensibilmente, grazie alla depressione in spostamento verso levante. Tempo buono e più mite per tutta la Penisola fino alla conclusione della Decade, con scarsa ventilazione e ritorno delle nebbie al Nord. Il ricompattamento del Vortice Polare dopo i disturbi delle scorse settimane per mano degli anticicloni, sancirà il ritorno delle correnti miti occidentali. Per la pioggia al Nord, tutto è rimandato al nuovo mese.

Ricordiamo che si tratta di una stima di tendenza generale, piuttosto attendibile presa come indicazioni di massima, ma mai da mettere "in tasca" senza aggiornarsi quotidianamente! Seguite le nostre previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona!

 

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS

Fabio Porro

Stampa