Immagine Meteo e Clima in Provincia di Ancona
La provincia di Ancona è una provincia italiana delle Marche di 476.192 abitanti (dati ISTAT 2016) con capoluogo ad Ancona. Affacciata ad est sul mar... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 7 - I MODELLI FISICO-MATEMATICI E LA PREVISIONE DEL TEMPO
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Genova
Modello americano GFS con spaghetti Ensemble. Geopotenziale a 500hPa e temperatura a 850hPa. La... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP - 500hPa Temp (centro-nord) - ARW by GFS
Modello WRF-ARW (base GFS) con la mappa per il Centro-Nord della temperatura e dell'altezza... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Umbria e Marche 24h - Mappe grafiche riassuntive delle 24 ore
Le previsioni meteo per Umbria e Marche. Il meteo stimato per i prossimi giorni. Riassunto delle 24... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

TEMPO DI PRIMAVERA, TRA CLIMATOLOGIA E REALTÀ

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 16 Marzo 2024 00:00

TEMPO DI PRIMAVERA, TRA CLIMATOLOGIA E REALTÀ

Tempo di primaveraDal punto di vista meteorologico siamo già in primavera; per il debutto della nuova stagione anche dal punto di vista astronomico bisognerà invece aspettare il 20 marzo. I proverbi sul tempo possono certamente aiutarci a comprendere le caratteristiche di un trimestre che fa da cerniera tra l’inverno e l’estate: basti pensare ai detti «marzo pazzerello», «aprile non ti scoprire» e a «maggio adagio adagio» tramandati dalla saggezza contadina. In effetti, la primavera è il periodo dei contrasti, paragonabile a una sorta di gioco al tiro alla fune tra una stagione fredda che indietreggia e una stagione calda che inizia a farsi strada alle basse latitudini e a gettare le basi per espandersi verso nord: una dinamica a zig-zag, segnata dall’avvicendamento di masse d’aria dalle caratteristiche anche molto diverse e provenienti in parte da un serbatoio artico ormai prossimo allo svuotamento e in parte da un serbatoio subtropicale che inizia invece a riempirsi a e gonfiarsi di aria calda.

È la climatologia a dirci tutto questo. È quindi la stessa climatologia a dirci che la primavera è la stagione dai due volti, in cui si osservano a fasi alterne le facce della stessa moneta: un periodo in cui possono quindi coesistere il «volto stabile e mite» e il «volto freddo e piovoso» – quest’ultimo noto anche come «colpo di coda invernale» – a seconda di quale massa d’aria, in quel gioco del tiro alla fune, ha la meglio e riesce a conquistare temporaneamente qualche posizione. Non sarà banale ricordare questa caratteristica di questa stagione di transizione fino a quando la maggior parte dell’utenza chiederà al meteorologo di turno quando arriverà la primavera alla seconda giornata di pioggia con 12 °C, magari dopo una settimana passata con il sole a 18 °C: i volti della primavera e il loro avvicendamento sono espressione di una normalità stagionale che fa il suo corso.



Certo è che quest’anno, come è accaduto anche in anni recenti, diventa difficile pensare alla primavera come stagione di transizione tra l’inverno e l’estate dal momento che, come abbiamo potuto appurare e verificare tramite l’analisi dei dati, la stagione fredda è saltata. Il venir meno del freddo tra dicembre e febbraio lascia ora sul campo anche qualche dubbio per il futuro perché, proprio a causa dell’assenza a suo tempo della fenomenologia invernale, non sarebbe del tutto irrealistico supporre che diventerebbe adesso statisticamente improbabile non avere da qui ad aprile nemmeno un sussulto di una dinamica di natura fredda.

Può valere ancora questa supposizione in un tipo di tempo che ormai va spesso a strappi? Non possiamo saperlo perché, come sempre, nelle prossime settimane sarà la modellistica numerica a darci le risposte che cerchiamo. La mia attenzione sarà rivolta in particolare verso questa tipologia di scenario, non di certo perché si dovrà per forza verificare ma perché, a mio avviso, una sua manifestazione o una sua assenza rappresenterà ancora una volta uno studio in itinere delle caratteristiche della dinamica atmosferica delle nostre latitudini che potranno invitare, chi lo volesse, a pensare e a riflettere.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera




Stampa