Immagine Meteo e Clima in Provincia di Parma
La provincia di Parma è la quarta dell'Emilia-Romagna per popolazione. Confina a nord con la Lombardia (provincia di Cremona e provincia di Mantova), ad est... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Webcam - Acquapendente (Viterbo)
Webcam Acquapendente, Loc. La Fornace, in provincia di Viterbo (VT), regione Lazio. Offerta da... Leggi tutto...
Immagine Webcam nel Lazio
Una selezione delle webcam disponibili nella regione Lazio Acquapendente (VT)Frosinone... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine LINEA DI TENDENZA PER NATALE: SPIEGAZIONE DELLE INCERTEZZE ANCORA PRESENTI NELLA...
Mancano ormai pochi giorni al Natale e in molti, giustamente, si domandano che tempo ci aspetta.... Leggi tutto...
Immagine TENDENZA PER IL 5-6 GENNAIO: AD OGGI L’EVOLUZIONE SULL’ITALIA È IN BILICO T...
Ben ritrovati a tutti e ancora un caro augurio di buon anno. Ci siamo lasciati nell’ultimo... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

ECCO LA BOLLA DI CALORE IN ARRIVO ALL’INIZIO DELLA PROSSIMA SETTIMANA

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 14 Luglio 2023 15:00

ECCO LA BOLLA DI CALORE IN ARRIVO ALL’INIZIO DELLA PROSSIMA SETTIMANA

Massima estensione e intensità dell'ondata di calore attesa per il 18 luglio 2023Possiamo ormai dire che il dado è tratto. Con gli ultimi aggiornamenti calcolati dalla modellistica numerica diventa ormai molto chiara l’entità della bolla di calore che si appresta a risalire dal profondo deserto sahariano per portarsi fin sul bacino centrale del Mediterraneo ed estendere da qui la propria influenza alla nostra penisola. Come abbiamo già detto nelle precedenti analisi, saranno le 72 ore comprese tra lunedì 17 e mercoledì 19 a vedere la massima espansione della rovente massa d’aria subtropicale che si spingerà con l’isoterma di 24 °C a 850 hPa fino alle Alpi occidentali e alla Pianura Padana e con l’isoterma di 28 °C fino a tutto il versante tirrenico, andando a inglobare così anche la Sicilia e la Sardegna: si tratta di temperature estremamente elevate che evidenziano, per questo periodo dell’anno, scarti positivi dalla media climatologica fino a 10-12 °C.

Avere una massa d’aria con queste caratteristiche termiche sulla verticale della nostra penisola, a circa 1500 metri di quota, vuol dire andare incontro a temperature molto elevate, se non addirittura estreme, anche nei bassi strati: come abbiamo infatti spiegato in uno degli ultimi approfondimenti proposti, in una bolla di calore i moti di compressione che sono mossi dalla figura anticiclonica associata – e in questo caso facciamo riferimento al promontorio nord africano – comprimono verso il basso e di conseguenza surriscaldano una massa d’aria che è già molto calda in partenza.

Nei primi giorni della prossima settimana andremo quindi incontro a temperature massime che molto facilmente si porteranno tra i 35 e i 40 °C, con picchi per lo più compresi tra 41 e 43 °C che potrebbero essere raggiunti sull’Emilia Romagna, sulle zone interne del Centro-Sud e sulla Sicilia e picchi fino a 44-46 °C non esclusi sulla Sardegna: si tratta di una prima stima che dettaglieremo meglio nei prossimi articoli.



Concludo questo intervento con alcune considerazioni. Deve essere chiaro a tutti che le condizioni meteorologiche che si prospettano saranno difficili e che stiamo veramente andando incontro ad una fase cruenta di «caldo maltempo nord africano». Partendo da temperature così alte, non è peraltro necessario un tasso di umidità eccessivamente elevato dell'aria per avvertire un disagio fisiologico forte, molto forte o estremo per caldo afoso. Si raccomanda quindi di fare molta attenzione e di essere prudenti perché le condizioni ambientali che si prospettano non sono assolutamente da prendere alla leggera.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa