Immagine ECMWF 850hPa - Temp - Anomaly
Temperatura a 850hPa prevista dal centro europeo di Reading ECMWF confrontata con la climatologia.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Previsioni meteo Liguria - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Liguria. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto nelle... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Oristano
La provincia di Oristano ha un territorio che passa dalle pianure del Campidano alle montagne del... Leggi tutto...
Immagine ALMENO FINO AL 20 GENNAIO SARÀ UN INVERNO VESTITO D’AUTUNNO
Là, poco a ovest delle Isole Britanniche, è attiva un’intensa circolazione ciclonica che... Leggi tutto...
Immagine UNA SETTIMANA CON TESE CORRENTI OCCIDENTALI: LE CONSEGUENZE SUL TEMPO DELL’ITA...
Il nastro trasportatore che guida le correnti atlantiche si è abbassato di latitudine facendo... Leggi tutto...
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

METEO-CURIOSITÀ: QUANTO SIAMO LONTANI DAL CALDO DI MATRICE NORD AFRICANA?

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 04 Giugno 2023 00:00

METEO-CURIOSITÀ: QUANTO SIAMO LONTANI DAL CALDO DI MATRICE NORD AFRICANA?

Quanto siamo lontani dal caldo africano Non c’è molto da dire in questi giorni sull’evoluzione del tempo perché, tra alti e bassi, saranno ancora le condizioni di instabilità a guidare lo stato del tempo sulla nostra penisola. Ci troviamo così di fronte a una linea di tendenza che viene confermata giorno dopo giorno e che, spingendosi fino alla fine della corsa del modello canonicamente visualizzata fino a due settimane, non mostra sostanziali variazioni nel proporre il segnale dominante su cui sarà probabilmente improntata la dinamica atmosferica alle nostre latitudini.

Dal momento che questa linea di tendenza è il frutto di tante simulazioni – dette in gergo tecnico «previsioni di ensemble» – visualizzando proprio queste simulazioni possiamo renderci conto della fase di stallo in cui ci troviamo e ci troveremo ancora per diversi giorni. Prendendo per esempio lo stato del tempo previsto sulla verticale di Roma ed estendendo queste caratteristiche a tutta la penisola seppur con qualche distinguo, possiamo osservare come le previsioni della temperatura a circa 1500 metri di quota (850 hPa) siano sostanzialmente stabili e comprese dentro una forbice di valori, evidenziata dalle due linee verdi, piuttosto stretta per tutto il periodo considerato che si spinge fino a oltre la metà del mese.

Il campo termico oscilla grosso modo intorno alle medie climatologiche del periodo: in pratica, questo andamento comporta che nei prossimi giorni anche al suolo le temperature massime non di discosteranno di molto dai valori che dovremmo registrare in questo periodo dell’anno. Un caldo tutto sommato tipico di inizio estate meteorologica che si accompagnerà agli effetti di uno stato instabile dell’atmosfera, ben evidenziato dalla ripetitività con cui nella parte bassa del grafico si susseguono i picchi più o meno accentuati di precipitazione, frutto principalmente dell’attività termo-convettiva che si accende nelle ore centrali della giornata.



Dove si trovano le condizioni atmosferiche che non lasciano dubbi sul fatto che siamo interessati dal promontorio nord africano? Si trovano in alto, oltre la linea rossa che marca la soglia dei 20 °C a circa 1500 metri. Quando sulla quota isobarica di 850 hPa si raggiungono e si superano queste temperature, vuol dire che è in atto un’avvezione di massa d’aria subtropicale continentale, cioè proveniente dal deserto del Sahara. In questo caso prevediamo un’ondata di calore di un certo rilievo perché con queste condizioni a circa 1500 metri le temperature massime che possono essere raggiunte in prossimità del suolo riescono a uguagliare e a superare abbastanza facilmente i 35 °C, specie nelle aree interne.

Come possiamo osservare, nei prossimi giorni saremo lontani da quella soglia rossa: anche se la stabilità del tempo sarà latitante, non mancherà comunque il caldo normale per il periodo. Quel caldo tutto sommato anche piacevole di giorno e che si smorza tra la sera e la mattina, permettendoci un buon ristoro notturno.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa