Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Ang...
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la sua grande capacità divulgativa. Provate ad... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF MSLP 3hPrec (ita) - ARW by ICON
Classica mappa del modello WRF-ARW con pressione al suolo e accumulo delle precipitazioni... Leggi tutto...
Immagine GFS Li-K Italia
Lifted Index e K Index previsti dal modello matematico atmosferico GFS per l'Italia.
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 2 - Gli elementi meteorologici principali
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Bassano Del Grappa (Vicenza)
Webcam a Bassano Del Grappa, in provincia di Vicenza (VI), Veneto.
Immagine Webcam - Capaci (Palermo)
Webcam a Capaci, in provincia di Palermo (PA), regione Sicilia.

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

A LUNGO TERMINE IL TEMPO SULL’ITALIA SARÀ LEGATO ALLE VICISSITUDINI DI UN VASTO E FORTE ANTICICLONE

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 11 Dicembre 2021 18:00

A LUNGO TERMINE IL TEMPO SULL’ITALIA SARÀ LEGATO ALLE VICISSITUDINI DI UN VASTO E FORTE ANTICICLONE

Lo scenario atteso tra la seconda e la terza decade Dicembre 2021La lunga parentesi perturbata iniziata nel corso della terza di novembre sta per chiudersi con il passaggio dell’ultima intensa perturbazione che attualmente impegna soprattutto il Sud e il versante adriatico centrale. Da lunedì l’espansione sempre più decisa da ovest dell’alta pressione delle Azzorre riporterà la colonna troposferica nelle condizioni di stabilità che proseguiranno probabilmente per almeno i successivi 7-10 giorni grazie anche all’intervento del promontorio nord africano che avrebbe tutta l’intenzione di sostituire l’anticiclone atlantico dalla seconda parte della prossima settimana. In figura è rappresentata la previsione media di ensemble della configurazione sinottica prevista a cavallo tra la seconda e la terza decade di dicembre ed elaborata dal sistema probabilistico del Centro Europeo.

Senza entrare nei dettagli relativi alle caratteristiche della figura barica, è importante osservare come il segnale dominante emerso dalle elaborazioni modellistiche metta in evidenza un’ampia oscillazione delle correnti portanti, in cui a due saccature si interporrebbe un promontorio. In gergo tecnico, in queste situazioni si parla di “configurazione di blocco a omega” perché la forma del disegno (saccatura-promontorio-saccatura) ricorda la famosa lettera dell’alfabeto greco. In altre parole quella campana di alta pressione, centrata con i suoi massimi in quota e al suolo nei dintorni del Mare del Nord, bloccherebbe di fatto l’ingresso da ovest del flusso perturbato atlantico.

Tenendo conto di come avviene la circolazione delle masse d’aria nel nostro emisfero, cioè in senso orario attorno ai campi di alta pressione, è facile vedere come quella vasta figura anticiclonica agevoli sul suo ramo ascendente la risalita di aria mite dalle latitudini subtropicali verso quelle polari (frecce rosse) e sul suo ramo discendente il movimento di aria fredda in direzione opposta (frecce blu). Perché, allora, nel titolo di questo articolo è stato scritto che… «a lungo termine il tempo sull’Italia sarà legato alle vicissitudini di un vasto e forte anticiclone»? Perché le soluzioni calcolate dai modelli numerici relative alla forma di quel promontorio, che insieme costruiscono lo scenario medio qui rappresentato, sono discretamente numerose. Quella previsione media, infatti, è solo la dimostrazione dell’esistenza di un segnale che va ad indicare la probabile formazione di un promontorio di blocco, senza dire però ancora quale sarà la soluzione più probabile relativa alla forma, all’intensità, alla forza dell’espansione meridiana e all’inclinazione del suo asse (linea nera).



Da questi dettagli, ancora avvolti nelle nebbie fitte della bassa predicibilità stante la distanza temporale a cui ci siamo spinti, dipenderà la strada che intraprenderà il tempo sull’Italia a cavallo della tra la seconda e la terza decade e, forse, anche nel corso di quest’ultima. Stante la nostra penisola inserita sul fianco destro del promontorio, è ovvio ritenere possibile anche un suo coinvolgimento in un flusso più freddo settentrionale ed avere, tra gli scenari che contemplano queste possibilità, anche irruzioni di una certa rilevanza che però, al momento, non hanno un’affidabilità tale da essere tradotti in una previsione.

Sicuramente, scopriremo le intenzioni di quel maestoso promontorio passo dopo passo, cogliendo cioè giorno dopo giorno gli aspetti che definiranno i dettagli. Quel campo di alta pressione, visto ad oggi nel segnale medio, è infatti una figura che ruota su se stessa, che si dilata, che si allunga e che si deforma: dal suo comportamento dipenderanno, essenzialmente, le traiettorie delle masse d’aria che ancora non abbiamo la possibilità di inquadrare. Arriveremo quindi alle conclusioni solo dopo che la modellistica numerica ci avrà dato l’autorizzazione.


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa