Immagine WRF Wind Gust (centro-nord)
Modello WRF con la mappa del Centro-Nord Italia dei venti a 10 metri. La peculiarità di questa carta è l'individuazione dei picchi massimi.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Desulo (NU)
Webcam in località Desulo, nel comune di Nuoro, regione Sardegna.
Immagine Webcam - Biella (Biella)
Webcam Biella (BI), bellissima panoramica nella regione Piemonte.
Immagine Dati meteo xml, csv e sql
Molti clienti, utenti, appassionati, usano i prodotti offerti da Centrometeo, che sposando il mondo... Leggi tutto...
Immagine Meteo Giovedì Italia
Meteo Italia Giovedì, le previsioni del tempo con mappe e simboli riassunte per un'immediata... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

TEMPERATURE AL DI SOTTO DELLA MEDIA ALMENO FINO A METÀ MESE

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 08 Ottobre 2021 17:00

TEMPERATURE AL DI SOTTO DELLA MEDIA ALMENO FINO A METÀ MESE

Mappa prevista per il 10 Ottobre 2021L’autunno è arrivato, annunciato dal passaggio di due distinte perturbazioni tra lunedì 4 e mercoledì 6 ottobre.

L’ingresso della nuova stagione non è però avvenuto secondo la classica evoluzione da ovest verso est di una saccatura a indicare l’abbassamento di latitudine del flusso perturbato atlantico, bensì con l’isolamento sul Mediterraneo centrale di una goccia fredda staccatasi alla coda del cavo d’onda che ha accompagnato il transito del secondo sistema nuvoloso nella giornata di mercoledì scorso.

L’unione, a foggia di ponte, tra l’Anticiclone delle Azzorre e un analogo campo di alta pressione sulla Russia ha poi isolato questa circolazione secondaria sulla verticale della nostra penisola che risulta ancora interessata da una sostenuta ventilazione a rotazione ciclonica e che quindi vede i versanti adriatici e le regioni meridionali essere maggiormente esposte alle precipitazioni più estese e organizzate, portate dall’interazione del flusso orientale con il versante appenninico che si trova sopravvento.

Questa dinamica atmosferica, responsabile tra l’altro di un calo termico che ha interessato tutte le regioni e che è risultato a tratti anche sensibile, continuerà almeno fino all’inizio della prossima settimana perché proprio lungo il fianco meridionale del canale anticiclonico edificato dall’Oceano Atlantico alla Russia sta scivolando con moto retrogrado – cioè da est verso ovest – un nuovo impulso che è previsto giungere nel corso della giornata di domenica 11 ottobre sulla penisola balcanica e da qui estendere la sua influenza al versante adriatico e al Meridione (figura 1).

Si tratterà di un’evoluzione che manterrà così attive su queste regioni condizioni di instabilità, con precipitazioni a prevalente carattere di rovescio e occasione ancora per qualche temporale.

Con il nuovo apporto di aria molto fresca la temperatura seguiterà quindi a mantenersi su valori inferiori alle medie climatologiche, dando così modo alla nostra penisola di sperimentare un periodo piuttosto lungo caratterizzato da una significativa anomalia termica con il segno negativo: farà quindi più freddo del normale per un tempo più lungo rispetto a quanto ci hanno recentemente abituato le irruzioni fugaci in arrivo dai quadranti settentrionali.



Anomalia della temperatura 10-14 Ottobre 2021
Entro metà della prossima settimana, infatti, il nostro tempo potrebbe ancora essere interessato da un secondo impulso di aria fredda, proveniente questa volta da nord-ovest e legato alla probabile formazione di una saccatura in evoluzione tra lunedì 11 e mercoledì 13 ottobre verso la regione balcanica.

L’Italia si troverebbe nel mezzo tra il cavo d’onda in transito a est e un promontorio in rimonta a ovest che comunque la esporrebbero ancora una volta a una circolazione settentrionale.

Vista la distanza temporale, sussistono ancora delle incertezze su una possibile fenomenologia associata al passaggio della saccatura, mentre sarà alquanto probabile che almeno fino a metà mese tutte le nostre regioni saranno accumunate dall’avere temperature inferiori alle medie, con scarti più significativi lungo il versante adriatico dove, rispetto alla climatologia del trentennio 1981-2010, l’anomalia negativa è stimata mediamente intorno ai 5/6 °C a circa 1500 metri di quota (figura 2).

Per il momento non si scorge alcun segnale robusto su una apertura del canale perturbato atlantico dalla porta occidentale, certamente più consono alla stagione autunnale tipica del Mediterraneo.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera


Stampa