Immagine Il clima con la "C" di Canada... e non solo
Il clima di Cambogia, Camerun, Canada, Isole Canarie, Capo Verde, Repubblica Ceca, Repubblica Centrafricana, Ciad, Cile, Cina, Cipro, Colombia, Isole Comore,... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Catania
La provincia di Catania (anzi, l'ex provincia e ora Libero Consorzio Comunale di Catania in... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Viterbo
Collocata nella parte nord-occidentale della regione di cui fa parte, la provincia di... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 5 - Nubi e precipitazioni
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine La temperatura nella libera atmosfera
La temperatura in libera atmosfera è l’indice migliore per sapere se una determinata zona sta... Leggi tutto...
Immagine Glossario Meteo. Lettera D - Da Densità a Divergenza
Densità Viene definita come il rapporto tra la massa di un corpo (in kg) e il volume da esso... Leggi tutto...

LA DINAMICA DELL’ARIA FREDDA CHE PORTERÀ UNA FASE INVERNALE TRA NATALE E SANTO STEFANO

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 23 Dicembre 2020 17:00

LA DINAMICA DELL’ARIA FREDDA CHE PORTERÀ UNA FASE INVERNALE TRA NATALE E SANTO STEFANO

Temperatura a 850hPa prevista per il pomeriggio del 25 Dicembre 2020Nell’ultima analisi relativa all’evoluzione atmosferica attesa tra il venerdì 25 e sabato 26 dicembre possiamo finalmente caratterizzare meglio l’irruzione di aria artica che avrà il merito di portare una fase invernale sulla nostra penisola proprio in questi due giorni di festa. Nelle valutazioni che abbiamo esposto nei giorni scorsi ci siamo limitati solo a parlare di aria fredda in arrivo senza definire ulteriormente l’evento perché la complessità dell’evoluzione non poteva ancora permetterci di arrivare a definire questi dettagli.

Oggi, invece, grazie agli ultimi aggiornamenti che hanno ulteriormente migliorato il grado di attendibilità previsionale, possiamo seguire meglio come avverrà l’irruzione aprendo le due finestre temporali corrispondenti al primo pomeriggio di Natale e al primo pomeriggio di Santo Stefano. Come ci mostra la prima figura, che illustra la temperatura e la circolazione previste a 850 hPa (cioè a circa 1500 metri), nel corso del pomeriggio di venerdì 25 dicembre l’aria fredda avrà raggiunto con la sua parte più avanzata la Toscana, la Romagna e il nord della Sardegna che saranno attraversate dall’isoterma di 0 °C.

Questa dinamica sarà resa possibile dalla formazione di un centro di bassa pressione che molto probabilmente prenderà forma sul Golfo Ligure e che da questa posizione incentiverà l’afflusso freddo dalla Valle del Rodano e dalla porta di Trieste: stante la posizione del minimo, in una prima fase sarà la strada occidentale quella a essere maggiormente battuta dall’aria artica che porterà l’isoterma di -5 °C fino al largo del Golfo del Leone e valori fino a -7/-8 °C sul sud della Francia. Man mano che il minimo orografico tenderà a spostarsi verso levante e a muoversi verso il Tirreno, si aprirà anche la porta orientale e l’aria fredda riuscirà ad entrare in modo più deciso anche in Pianura Padana, addossandosi verso sera soprattutto lungo i pendii padani dell’Appennino ligure di levante e di quello tosco-emiliano dove sono previsti i valori termici più bassi, intorno a -4/-5 °C.


Temperatura a 850hPa prevista per il pomeriggio del 26 Dicembre 2020
Ventiquattro ore dopo la circolazione di stampo artico si sarà estesa praticamente a tutta l’Italia, anche se sulle regioni meridionali giungerà attenuata con isoterme oscillanti intorno a 0 °C entro sera. Infatti, con l’espansione del minimo ligure verso sud-est a tal punto da generare un secondo vortice sull’area adriatica, nella giornata di Santo Stefano sarà soprattutto la porta orientale a permettere l’ingresso più massivo di aria fredda verso la nostra penisola che ne sarà coinvolta almeno fino alle prime ore di domenica quando, da ovest, si assisterà a un nuovo cambiamento di circolazione con l’ingresso di venti più temperati in quota che prepareranno le condizioni favorevoli all’arrivo di nevicate fino a quote molto basse su alcune aree del Nord, a partire da domenica sera e ancor più nella giornata di lunedì.Infine, una considerazione.

Il calo termico che sperimenteremo entro sabato 26 dicembre sarà sensibile non tanto perché arriverà chissà quale irruzione di aria fredda, ma perché proveniamo da una fase insolitamente mite. Avere infatti l’ingresso di isoterme con valori per lo più compresi tra 0 e -5 °C è il minimo per una classica irruzione di aria fredda che si verifica nella stagione invernale. Tra l’altro, il cambio di circolazione che inizierà a farsi sentire da domenica chiuderà rapidamente questa parentesi sulle nostre regioni centro-meridionali, mentre sul Nord e in particolare al Nord-Ovest potrebbe rimanere aperta qualche giorno in più.Concludo qui i miei interventi perché nei prossimi giorni mi prenderò un periodo di pausa. Ci rileggeremo l’anno nuovo. Colgo allora l’occasione per augurare a tutti voi liete festività e per ringraziarvi per l’assiduità con cui seguite gli aggiornamenti.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa