Immagine Guida Pratica al Meteo per l'Escursionista - Marco Virgilio
Pensato per tutti gli appassionati delle montagne friulane che vogliono affrontare le loro uscite in piena sicurezza anche per quanto riguarda il campo... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Cagliari (Cagliari)
Webcam con vista sud e nord a Cagliari (CA), capoluogo della regione Sardegna.Webcam con vista sud... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Collepardo (Frosinone)
Webcam panoramica su Collepardo, in provincia di Frosinone. Centro storico e sfondo Monti ErniciLa... Leggi tutto...
Immagine GENS PREC PROB 25mm ITALIA
Probabilità precipitazioni maggiori di 25mm intesa come numero di occorrenze in rapporto alle... Leggi tutto...
Immagine ECMWF 850hPa-ABW (Wz)
Vorticità assoluta (ABW) e temperatura 850hPa attesi dal modello ECMWF da Wetterzentrale.

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

LINEA DI TENDENZA: SI SPALANCA LA PORTA ATLANTICA E L’AUTUNNO SALE IN CATTEDRA

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 02 Novembre 2019 17:00

LINEA DI TENDENZA: SI SPALANCA LA PORTA ATLANTICA E L’AUTUNNO SALE IN CATTEDRA

Scenario atteso per i prossimi giorniCon la prima perturbazione di novembre giunta oggi, sabato 2, si aprirà per alcune regioni italiane un periodo decisamente piovoso, tipico di questa stagione.

L’analisi dei principali modelli numerici di previsione avrebbero infatti pochi dubbi su quale sarà molto probabilmente il segnale dominante che caratterizzerà i movimenti dell'atmosfera almeno per i prossimi 7-10 giorni: un canale depressionario esteso dal Nord America al Mediterraneo, all’interno del quale verranno molto probabilmente a scorrere in successione diversi impulsi perturbati che con cadenza quasi regolare riusciranno a raggiungere anche l’Italia.

L’impronta di questa sorta di autostrada atlantica che si snoderà fino al settore centro-occidentale del nostro bacino è infatti indicata dalla presenza di un complesso marchingegno a ingranaggi ciclonici, ben segnalati dai singoli centri di bassa pressione rappresentati in figura con la lettera “B”, con l’ultimo della serie a indicare un minimo centrato in corrispondenza del Nord Italia per lasciare intendere la ripetuta interazione del flusso perturbato con il nostro baluardo alpino e quindi la predisposizione a probabili ripetute azioni di ciclogenesi sottovento in prossimità del Golfo Ligure.

Anche l’andamento degli scenari di ensemble relativi alla temperatura e alle precipitazioni, rappresentativi in questo caso del versante tirrenico perché nei prossimi giorni questo settore si troverà particolarmente esposto a questo tipo di circolazione, denotano un andamento consono alla descrizione sinottica che abbiamo appena elaborato.

Le oscillazioni contenute della temperatura a circa 1500 metri di quota raffigurate sopra, con la freccia gialla a indicare modesti aumenti e quella blu altrettanti modesti cali, denotano la rapidità di successione dei sistemi frontali dal momento che questi ultimi sono preceduti da aria mite e seguiti da aria fresca.


Questo segnale è confermato anche dai picchi a foggia di guglia che si osservano in basso e che quindi indicano l’altrettanta rapidità con cui tenderanno a susseguirsi le perturbazioni stesse, di intensità ovviamente diversa.

Tenendo conto che a oggi la predicibilità atmosferica arriva al 7-8 novembre, possiamo allora per esempio affermare che dopo la perturbazione di domani (domenica 3), entro giovedì 7 novembre potrebbero transitare altri due sistemi e, forse, altri ancora ne seguiranno.

Non possiamo però al momento dettagliare meglio oltre questa data per via della scarsa attendibilità che viene ad avere la previsione, specie se questa vede diminuire la propria scala spaziale. Non commettiamo però errori di valutazione nell'evidenziare, tuttavia, che il segnale dominante va almeno in questa direzione.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa