Immagine Meteo e Clima in Africa
Meteo e Clima in Africa, le previsioni del tempo per molte località
Immagine WRF CAPE - CIN (ita - backup 2)
Seconda corsa precedente delle mappe modello WRF. Due tipici indici termodinamici: il CAPE e il... Leggi tutto...
Previsione anomalie e probabilità per l'Europa (IBIMET)
La previsione e le mappe delle anomalie stagionali per i prossimi mesi. Probabilità dei fenomeni... Leggi tutto...
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
Finalmente il libro sul Generale Andrea Baroni! Scritto dalla maestria della giornalista RAI... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 2 - Gli elementi meteorologici principali
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 2 - Gli elementi meteorologici principali...
Immagine Le lepri bianche con le racchette cambiano colore troppo presto
Le lepri bianche con le racchette cambiano colore troppo presto, diventando facile bersaglio per i... Leggi tutto...
Immagine Api e ambiente: il caso del miele blu
Api e ambiente: il caso del miele blu. Siamo in Francia, in una zona dell'Alsazia...
Banner Radiorete

Dicembre 1996: una delle più belle irruzioni di aria fredda da Nord Est (Buran)

Dicembre 1996: una delle più belle irruzioni di aria fredda da Nord Est (Buran)
 

Immagine satellitare e temperature 850hPaIl Buran (e non Burian) è un vento di aria gelida, spesso molto forte, caratteristico delle steppe della pianura sarmatica, ad ovest degli Urali. Nel semestre freddo, l’aria a contatto con le grandi pianure russe tende a raffreddarsi notevolmente, aumentando di conseguenza la sua densità.

Si origina spesso così un anticiclone termico con elevati valori di pressione.

Talvolta nella stagione invernale, l’Italia è influenzata da questa figura che fa affluire sul nostro paese aria molto fredda e secca, facendo così scendere notevolmente le temperature.

È quello che è successo alla fine del 1996 sul Centro Nord italiano e marginalmente al sud.

Come potete notare dalla piccola cartina e dall’immagine satellitare a sinistra, aria fredda e secca da est contrasta con quella più calda e umida del bacino del Mediterraneo, formando un modesto centro depressionario sul Centro-Nord.

Qui le temperature per alcuni giorni si sono mantenute sotto le zero anche durante le ore di sole, con minime che hanno toccato i –15 °C nella pianura padana centro orientale.

Intenso Buran il giorno 27 (vedi isobare e isoipse nelle figure sottostanti), con isoterma a 850hPa di -10°C abbondantemente al largo del Mar Tirreno.

Abbondanti le nevicate tra il 28 e il 29 Dicembre sull’Italia centrale tirrenica, sfiorando Roma Nord fino ad Arezzo.

In particolare registrati in Umbria tra Orvieto e Perugia
fino a 50 cm di neve. È stata l’ultima grande invasione d’aria fredda continentale del secolo scorso.

Le mappe che seguono (e che potete trovare nel nostro archivio storico) mostrano in sequenza, da sinistra a destra e dall'alto in basso: pressione e geopotenziale a 500hPa il 27, 28 e 29 Dicembre e, per gli stessi giorni, la temperatura a 850hPa (00UTC).


Mappa 500hPa e pressione al suolo 27 Dicembre

Mappa 500hPa e pressione al suolo 28 Dicembre

Mappa 500hPa e pressione al suolo 29 Dicembre

Temperature a 850hPa il 27 Dicembre

Temperature a 850hPa il 28 Dicembre

Temperature a 850hPa il 29 Dicembre