Immagine Novembre 1994, Piemonte: i perché di un alluvione
Dal 4 al 6 di Novembre del 1994 il Nord Italia, ed in particolare il settore occidentale, è stato interessato da una violenta ondata di maltempo che ha... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Webcam - Sigillo - Monte Cucco (Perugia)
Webcam sul Monte Cucco, a Sigillo in provincia di Perugia (PG), regione Umbria.
Immagine Webcam - Esine (Brescia)
Webcam presso la località di Esine, in provincia di Brescia. Da Meteoesine.it.
Immagine LUNEDI APICE DEL RAFFREDDAMENTO AL NORD E ATTENZIONE IN SARDEGNA. MARTEDI PICCO ...
Sull’Italia sta transitando una moderata perturbazione che sta avendo il merito di rompere... Leggi tutto...
Immagine Record: i 5 luoghi più freddi della Terra
Stazione Vostok, AntartideSituata vicina al Polo Sud geomagnetico, ad una quota di 3488 metri sul... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...

Meteo Pasqua e Pasquetta 2019: l'evoluzione più probabile

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 20 Aprile 2019 00:00

Meteo Pasqua e Pasquetta 2019: l'evoluzione più probabile

Pressione al livello del mare e polveri dall'africaPer domenica 21 e lunedì 22 si conferma il graduale cambiamento delle condizioni atmosferiche sul bacino centro-occidentale del Mediterraneo e sull’Italia per l’azione di un’insidiosa depressione nord africana che andrà formandosi nel corso della giornata di Pasqua per poi muoversi verso il Mar di Sardegna a Pasquetta e da questa posizione condizionare il tempo sulla maggior parte delle nostre regioni in modo più organizzato.

Il minimo della depressione si approfondirà fino a raggiungere domenica valori prossimi ai 995 hPa e dar così luogo a un intenso gradiente barico orizzontale in grado di causare una profonda avvezione di aria calda direttamente dal Tropico del Cancro verso il Mediterraneo, passando per l’entroterra libico. Sarà proprio questa dinamica a determinare un massiccio sollevamento di polveri sahariane che saranno trasportate verso le nostre latitudini da intensi venti di scirocco. Ci sono quindi tutti gli ingredienti per poter dire che tra Pasqua e Pasquetta le condizioni meteorologiche tenderanno a un graduale peggioramento i cui effetti, su più fronti, si faranno sentire proprio dal pomeriggio di domenica. Vediamo un po’ più nei dettagli.

DOMENICA 21 APRILE, PASQUA – Nel corso del giorno il cielo verrà solcato da velature anche spesse in movimento da sud-ovest verso nord-est. Queste nubi alte e sottili ci faranno osservare il sole come se fosse dietro a un vetro smerigliato. Qualche addensamento più consistente (nubi di medio livello) potrebbe far la propria comparsa sui versanti occidentali e occasionalmente potrebbe dar luogo nel pomeriggio-sera a qualche POSSIBILE, ISOLATA, BREVE e DEBOLE pioggia sulle coste tirreniche, sulla Liguria e sul Piemonte: parliamo di possibilità perché la probabilità del fenomeno sarà inferiore al 30%. Più importante è invece la previsione relativa al sensibile rinforzo del vento di scirocco, che soffierà fino a raggiungere l’intensità media di BURRASCA sui canali delle due Isole Maggiori a partire dal pomeriggio: su questi settori e sul versante tirrenico della Sicilia, dove si avrà anche l’effetto di caduta, le raffiche potrebbero anche superare i 100 km/h. Conseguentemente, il mare dei due canali sarà in pessime condizioni e arriverà al grado di MOLTO AGITATO, localmente GROSSO, causando mareggiate lungo le coste esposte.



LUNEDÌ 22 APRILE, PASQUETTA – La nuvolosità aumenterà ulteriormente e le velature lasceranno il posto a nubi più basse, più spesse e compatte che renderanno il cielo da nuvoloso a coperto, specie al Centro-Nord. La probabilità di precipitazione andrà rapidamente aumentando a partire dal mattino e raggiungerà i valori più elevati in serata, fino al 75-80% sui versanti centro-occidentali delle regioni centro-settentrionali e sulla Sardegna, dove sono previste le precipitazioni più organizzate. Ancora venti forti di scirocco su tutti i bacini con mari che entro il pomeriggio-sera diventeranno quasi ovunque agitati o molto agitati.

Probabilità di pioggia a Pasqua e a Pasquetta 2019

Stampa