Stampa

Il cambiamento climatico potrebbe NON essere la causa del recente aumento dei tornado

La distruzione di un tornadoIn questo articolo abbiamo mostrato come, a prescindere dalle cause, a un decennio di aumento degli uragani (in forza, frequenza, intensità) ne sia seguita una diminuzione. Ora parliamo di tornado, che hanno devastato gran parte degli Stati Uniti nelle ultime due settimane (Maggio 2019) e, come al solito, anche a sproposito, viene sempre tirato in ballo il cambiamento climatico (qualunque cosa succede o non succede...) Mercoledì 29 Maggio è stato il 13° giorno consecutivo con almeno otto tornado segnalati, battendo il record di 11 giorni del giugno 1980. Il National Weather Service ha ricevuto più di 500 segnalazioni di tornado negli ultimi 30 giorni. Più di 235 tornado sono stati confermati dal 17 maggio. Sette persone uccise dai tornado nell'ultima settimana in Iowa, Missouri, Oklahoma e Ohio, secondo l'Associated Press e dozzine di persone ferite.

Questa ondata di fenomeni è avvenuta perché la corrente a getto è rimasta in gran parte bloccata a partire dalla metà di maggio, secondo il meteorologo di weather.com Jonathan Erdman, a un livello più meridionale negli Stati Uniti occidentali, permettendo all'aria fredda proveniente da ovest (in quota) di scorrere sopra all'aria calda e umida al suolo proveniente dal Golfo del Messico. Una forte convergenza dele correnti ha spinto poi ulteriormente l'aria instabile creando supercelle temporalesche e generando molti dei tornado osservati. Altri tornado si formano nella parte anteriore del bordo delle linee di instabilità, ha detto Erdman, e questi possono svilupparsi e dissiparsi rapidamente. Questo è stato il tipo di tornado che ha distrutto un motel e ha colpito un parco di case mobili a El Reno, in Oklahoma, sabato, uccidendo due persone e ferendone 29.

Mentre gli scienziati conoscono molto bene i fattori che innescano o inibiscono i tornado, un altro paio di maniche è determinare esattamente dove e quando questi ingredienti "confluiranno" per generare i tornado e fino a che punto i cambiamenti climatici ne siano responsabili. "È una sfida difficile per i ricercatori", ha detto Erdman. Harold Brooks, scienziato senior presso il National Severe Storms Laboratory della NOAA a Norman, in Oklahoma, ha affermato che il numero totale di tornado USA di almeno la forza EF1 non è cambiato molto negli ultimi decenni. Non solo, ma questi tornado si raggruppano in un numero minore di giorni, compresi quelli molto attivi. Una parte della sfida è che il riscaldamento globale colpisce i sistemi meteorologici di tutto il pianeta, mentre i tornado sono eventi estremi che vanno e vengono rapidamente. I tornado dipendono anche da fattori su piccola scala che sono più difficili da incorporare nei modelli climatici.


Le registrazioni ufficiali dei tornado statunitensi non sono iniziati fino al 1950, il che limita anche la capacità di valutare le tendenze a lungo termine. La difficoltà nel definire un punto di paragone "rende difficile capire quante volte accade in un dato anno", ha detto Brooks in un'intervista a weather.com. Una cosa confermata da Brooks e da altri ricercatori è che gli Stati Uniti vedono meno giorni ogni anno con almeno un tornado EF1 o più forte. Quel numero è diminuito drasticamente, da circa 150 giorni all'anno negli anni '70 a circa 90 ogni anno. Allo stesso tempo, afferma Brooks, "stiamo vedendo più giorni con almeno 25 tornado o più di tipo EF1 o più forti", ha detto. C'è anche una maggiore variabilità nei tornado su scala annuale, secondo Brooks. Ad esempio, gli Stati Uniti sono passati dal secondo anno di tornado più attivo del 2011 ad un anno molto meno attivo nel 2012. Tuttavia, è difficile sapere se questi cambiamenti sono dovuti al riscaldamento globale. "Il ruolo del cambiamento climatico è probabilmente molto piccolo", ha detto Brooks. Quello che gli scienziati possono dire è solo che l'aumento del calore e dell'umidità al suolo associati ai cambiamenti climatici rende l'atmosfera più favorevole alla creazione di forti temporali, con quello che ne può conseguire (grandine, tornado...)

Ma il wind shear (cioè la variazione nella direzione del vento salendo di quota, ingrediente fondamentale per lo sviluppo dei tornado) si prevede che diminuirà con il cambiamento climatico, perché le alte latitudini si riscaldano più rapidamente rispetto a quelle più basse, riducendo così la differenza di temperatura che guida la corrente a getto. Ciò potrebbe effettivamente portare a meno tornado, ha detto Brooks. Se il wind shear diminuisce, il risultato potrebbe essere un minor numero di supercelle con sviluppo di tornado. Tuttavia, quando il wind shear è comunque sufficiente, l'aumento dell'instabilità in un clima più caldo potrebbe intensificare probabilità e intensità dei tornado.Comunque "i piccoli cambiamenti possono fare la differenza quando si tratta di formazione di tornado", ha detto il meteorologo Bob Henson. "Estrapolare dunque in che modo i tornado potrebbero essere influenzati dai cambiamenti climatici è una grande domanda." Henson ha aggiunto di essere incuriosito dalla tendenza verso giorni di tornado meno numerosi, ma più attivi. "Se questa tendenza dovesse continuare - e specialmente se dovesse essere collegata ai cambiamenti climatici - avremo bisogno di prepararci a tornado meno frequenti, ma più intensi".

Fonte: weather.com