Immagine WRF Wind 10m (ita - backup 2)
Modello WRF-NMM con la tipica carta, qui con la seconda corsa precedente, per l'Italia, dei venti previsti a 10 metri...
Immagine Rapporto Ispra, Consumo del suolo: in fumo 70 ettari al giorno
Rapporto Ispra, Consumo del suolo: in fumo 70 ettari al giorno. Ce ne parla Fabio Porro...
Immagine L'Eclissi parziale di Sole del 20 Marzo 2015
L'Eclissi parziale di Sole del 20 Marzo 2015: un fenomeno sempre affascinante! A cura di Francesco... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? E' la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera infanzia.... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (AISAM)
Immagine Webcam - Imperia (Imperia)
Webcam Imperia, nella regione Liguria. Panorama sul mare. Su Centrometeo una selezione delle... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Cupra Marittima (Ascoli Piceno)
Webcam Cupra Marittima, provincia di Ascoli Piceno, nelle Marche. Con noi solo webcam selezionate!

Dicembre 1996: una delle più belle irruzioni di aria fredda da Nord Est (Buran)

Dicembre 1996: una delle più belle irruzioni di aria fredda da Nord Est (Buran)
 

Immagine satellitare e temperature 850hPaIl Buran (e non Burian) è un vento di aria gelida, spesso molto forte, caratteristico delle steppe della pianura sarmatica, ad ovest degli Urali. Nel semestre freddo, l’aria a contatto con le grandi pianure russe tende a raffreddarsi notevolmente, aumentando di conseguenza la sua densità.

Si origina spesso così un anticiclone termico con elevati valori di pressione.

Talvolta nella stagione invernale, l’Italia è influenzata da questa figura che fa affluire sul nostro paese aria molto fredda e secca, facendo così scendere notevolmente le temperature.

È quello che è successo alla fine del 1996 sul Centro Nord italiano e marginalmente al sud.

Come potete notare dalla piccola cartina e dall’immagine satellitare a sinistra, aria fredda e secca da est contrasta con quella più calda e umida del bacino del Mediterraneo, formando un modesto centro depressionario sul Centro-Nord.

Qui le temperature per alcuni giorni si sono mantenute sotto le zero anche durante le ore di sole, con minime che hanno toccato i –15 °C nella pianura padana centro orientale.

Intenso Buran il giorno 27 (vedi isobare e isoipse nelle figure sottostanti), con isoterma a 850hPa di -10°C abbondantemente al largo del Mar Tirreno.

Abbondanti le nevicate tra il 28 e il 29 Dicembre sull’Italia centrale tirrenica, sfiorando Roma Nord fino ad Arezzo.

In particolare registrati in Umbria tra Orvieto e Perugia
fino a 50 cm di neve. È stata l’ultima grande invasione d’aria fredda continentale del secolo scorso.

Le mappe che seguono (e che potete trovare nel nostro archivio storico) mostrano in sequenza, da sinistra a destra e dall'alto in basso: pressione e geopotenziale a 500hPa il 27, 28 e 29 Dicembre e, per gli stessi giorni, la temperatura a 850hPa (00UTC).


Mappa 500hPa e pressione al suolo 27 Dicembre

Mappa 500hPa e pressione al suolo 28 Dicembre

Mappa 500hPa e pressione al suolo 29 Dicembre

Temperature a 850hPa il 27 Dicembre

Temperature a 850hPa il 28 Dicembre

Temperature a 850hPa il 29 Dicembre